—————————————————-

—————————————————-

Randall Stuart Newman, meglio conosciuto come Randy Newman (Los Angeles, 28 novembre 1943), è un cantautore, pianista, compositore e arrangiatore statunitense, di famiglia ebrea, noto per le sue canzoni mordaci e satiriche e per le sue numerose colonne sonore. Tipico di Newman nello scrivere i testi delle proprie canzoni è l’adozione di un punto di vista “invisibile”, distante cioè dalla biografia del cantautore e teso a parodiare lo stesso narratore che, in molti casi, risulta essere protagonista e zimbello della canzone stessa: nelle parole dello stesso Newman, i personaggi che popolano le sue canzoni sono “narratori inaffidabili” (untrustworthy narrators, gli unreliable narrators di Wayne C. Booth). Così, ad esempio, nella canzone Sail Away del 1972, chi canta è un trafficante di schiavi che cerca di convincere degli africani a seguirlo in America; in God’s Song (That’s Why I Love Mankind) è Dio stesso a farsi beffe dell’uomo e della sua fede. In Political Science uno sfegatato nazionalista americano è intento a biasimare l’ingratitudine del resto del mondo di fronte alla limpida opera di civilizzazione portata avanti dagli USA e disposto a proporre una drastica soluzione finale: la distruzione di tutte le nazioni, ad eccezione dell’Australia (“non vogliamo far male ai canguri”, dice il testo). I testi sono dunque un elemento fondamentale delle canzoni di Newman; il lessico adottato è semplice e trasparente, e contemporaneamente evasivo: “ciò che non viene detto è spesso più importante di ciò che viene detto” (così nel brano In Germany Before the War, che parla di un assassino, cosa non immediatamente evidente dall’analisi del testo). Verso la fine degli anni Settanta, Newman si è dedicato alla composizione di colonne sonore. Sue sono le musiche di Ragtime di Miloš Forman, Il migliore (The Natural di Barry Levinson), il film d’animazione Toy Story, Ti presento i miei (Meet the Parents di Jay Roach) e Seabiscuit di Gary Ross. È stato peraltro insignito di diversi premi tra cui due Oscar (nel 2002, per If I Didn’t Have You, canzone di Monsters & Co. e nel 2011, per We Belong Together di Toy Story 3), tre Emmy, cinque Grammy e un Governors Award (da Wikipedia).

—————————————————-

1. Falling in love (testo)
2. In Germany before the War (testo e traduzione)
3. God’s song (That’s why I love mankind) (testo e traduzione)

—————————————————-

Cover

1. Joe CockerYou can leave your hat on (1986, testo e traduzione, cover di You can leave your hat on)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-