Lucio Battisti – Questo inferno rosa (testo)

————————————————

“Non ferirmi no, non farlo mai più
i baci tranquillizzanti mi buttano giù
tu vuoi mostrare a tutti
l’amore che c’è fra noi
una medaglia al valore
che da sola ti dai
adesso che hai una casa
un uomo e una reputazione
padrona, padrona anche del tuo padrone
vorresti che ti seguissi
nel goder con distinzione
di tutti i frutti della vita
quasi quasi compresi
quelli colti da altre dita

No, non sei più tu

E la memoria impertinente mi riporta là
a una ragazza fra la gente smagliante di libertà
le parolacce, le risate, le corse e poi tu mia
se fossi un altro uomo direi: poesia.

E quando con un salto
tu sei piombata tra le braccia mie
ti sei spogliata senza trovare né scuse né bugie
e quando per scherzare dissi – Quanto vuoi? –
Tu rispondesti seria – L’amor che puoi! -.

La disinvoltura che adesso tu hai
ha come radici gli spiccioli miei
le mura di un castello
hai alzato intorno a noi
e olio bollente sugli altri getti ormai
scegliendo i nostri amici
un computer diventi per l’occasione
e chi hai scartato per te è un barbone
mi offri la fedeltà
su un piatto decorato da mille attenzioni
come dire – hai comprato
e ora godi le tue prigioni –


Vola la mia mente a qualche anno fa
a una esplosione dirompente di vitalità
a quando per punir quel moralista dell’ultimo piano
tu improvvisamente gli mostrasti il seno
e quando ancor piangendo per l’emozione tu
cantando Fratelli d’Italia
gridasti – io non ti lascio più! –
e la violenza con la quale
mi abbracciasti un giorno
un giorno quando non conoscevo
questo rosa inferno”.

————————————————

Lucio Battisti, Questo inferno rosa – 6:52
(Mogol, Lucio Battisti)
Album: Il nostro caro angelo (1973)

Per altri testi, approfondimenti e commenti, guarda la discografia completa di Lucio Battisti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

————————————————

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

————————————————

————————————————

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Arturo Bandini (ad interim) (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

————————————————

Unisciti alla discussione

4 commenti

  1. una storia sconvolgente: come distruggersi la vita con una donna che prima si pensava diversa, e poi dopo il matrimonio viene fuori nel modo peggiore… un monito a tutti gli uomini che non si accontentano di una brava ragazza, ma vogliono un carattere ribelle e anticonformista al loro fianco, quando si sa che il conformismo, a volte, è sinonimo di stabilità
    cari uomini, pensateci prima di sposarvi: “hai comprato e ora godi le tue prigioni”…

  2. sposare la donna sbagliata può trasformarsi in un verso incubo per un uomo: essere influenzati a fare cose sinora mai fatte, abbandonare le amicizie antiche, chiudersi in un mondo che non è proprio… e questo fa ancora più male ripensando ad un felice passato……….

  3. la Sacra Rota annullerebbe questo matrimonio per “errore sulla persona”, non certo per “non consumazione” 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *