“Tu che respiri piano, dentro l’ascensore con le scarpe in mano, per non far rumore e l’alba ti somiglia, mentre ti addormenti e la città si sveglia