—————————————————-

“Freezin’, rests his head on a pillow made of concrete, again
oh, feelin’ maybe he’ll see a little better set a days
oh, hand out, faces that he sees time again ain’t that familiar
oh, dark grin, he can’t help, when he’s happy looks insane

Even flow, thoughts arrive like butterflies
oh, he don’t know, so he chases them away
oh, someday yet, he’ll begin his life again
life again, life again…

Kneelin’, looking through the paper though he doesn’t know to read
oh, prayin’, now to something that has never showed him anything
oh, feelin’, understands the weather of the winters on its way
oh, ceilings, few and far between all the legal halls of shame…

Even flow, thoughts arrive like butterflies
oh, he don’t know, so he chases them away
someday yet, he’ll begin his life again
oh, whispering hands, gently lead, lead him away, him away, him away
yeah! Woo, ah yeah, fuck it up…

Even flow, thoughts arrive like butterflies
oh, he don’t know, so he chases them away
oh, someday yet, he’ll begin his life again
oh, whispering hands, gently lead, lead him away, him away, him away
yeah! Woo, yeah, yeah, mommy, mommy…”.

—————————————————-

Traduzione.

“Ghiacciando, appoggia la sua testa
su un cuscino di cemento, di nuovo
credendo che forse vedrà giorni un po’ migliori
mani in fuori, i volti che rivede non sono poi così familiari
ghigno malvagio, lui non può farci niente
quando è felice sembra un pazzo…

Flusso costante, i pensieri arrivano come farfalle
oh, lui non lo sa, così li scaccia via
eppure, un giorno, ricomincerà la sua vita
ancora una volta, ancora una volta…

In ginocchio, sfogliando il giornale benché non sappia leggere
pregando, verso qualcosa che non gli ha mai mostrato nulla
sentendo, capisce il tempo degli inverni a modo suo
oh soffitti, pochi e lontani
tra tutte le anticamere legali della vergogna

Flusso costante, i pensieri giungono come farfalle
oh, lui non lo sa, così li scaccia via
eppure, un giorno, ricomincerà la sua vita
le mani che sussurrano, gentilmente lo portano via, via, via
oh, sì, già, che cazzo…

Flusso costante, i pensieri giungono come farfalle
oh, lui non lo sa, così li scaccia via
eppure, un giorno, ricomincerà la sua vita…
le mani che sussurrano, gentilmente lo portano via, via, via
oh, sì, già, mammina, mammina…”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd)

—————————————————-

Pearl Jam, Even flow – 4:52
(Eddie Vedder, Gossard)
Album: Ten (1991)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Pearl Jam.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini e Francesco Komd
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-