—————————————————-

“So, we’re alone again
I wish it were over
we seem to never end
only get closer
to the point where I can take no more

The clouds in your eyes
down your face they pour
won’t you be the new one burn to shine
I take the blue ones every time
walk me down your broken line
all you have to do is cry
yes, all you have to do is cry

Hush my baby now
your talking is just noise
and won’t lay me down
amongst your toys in a room
where I can take no more
the clouds in your eyes
down your face they pour
won’t you be the new one burn to shine
I take the blue ones every time
walk me down your broken line
all you have to do is cry

Photographs and brightly colored paper
are your mask you wear in this caper
that is our life
we walk right into the strife
and a tear from your eye brings me home

Won’t you be the new one burn to shine
I take the blue ones every time
walk me down your broken line
all you have to do is cry”.



—————————————————-

Traduzione.

“Dunque, siamo di nuovo soli
speravo che fosse finita
sembriamo non finire mai
solo per avvicinarci
al punto dove non posso prendere di più

Le nuvole nei tuoi occhi
già sul tuo viso si riversano
non vorrai essere quella nuova
che brucia per splendere
prendo quelle tristi ogni volta
conducimi al tuo confine violato
tutto quello che devo fare è piangere

Calmati piccola mia adesso
il tuo parlare è solo rumore
e non mi farà giacere
tra i tuoi giocattoli in una stanza
dove non posso prendere di più

Le nuvole nei tuoi occhi
già sul tuo viso si riversano
non vorrai essere quella nuova
che brucia per splendere
prendo quelle tristi ogni volta
conducimi al tuo confine violato
tutto quello che devo fare è piangere

Fotografie e carta a colori vivaci
sono la maschera che indossi in questa birichinata
che è la nostra vita
andiamo dritti verso il conflitto
e una lacrima dal tuo occhio mi riporta a casa

Le nuvole nei tuoi occhi
già sul tuo viso si riversano
non vorrai essere quella nuova
che brucia per splendere
prendo quelle tristi ogni volta
conducimi al tuo confine violato
tutto quello che devo fare è piangere”.

—————————————————-

Joshua Radin, Closer – 2:45
Album: We were here (2006)

Brano inserito nella colonna sonora del serial Grey’s Anatomy – Stagione 2 – Episodio 18 – “Yesterday”.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Joshua Radin.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-