Ivan Graziani – Firenze (Canzone triste) (testo)

—————————————————-

“Firenze lo sai
non è servita a cambiarla
la cosa che ha amato di più
è stata l’aria
lei ha disegnato
ha riempito cartelle di sogni
ma gli occhi di marmo
del Colosso Toscano
guardano troppo lontano.

Caro il mio Barbarossa
studente in filosofia
con il tuo italiano insicuro
certe cose le sapevi dire
oh lo so, lo so, lo so, lo so bene
lo so, una donna da amare in due
in comune fra te e me
ma di tempo ce n’è in questa città
fottuti di malinconia e di lei.

Per questo canto una canzone triste
triste, triste, triste come me
e non c’è più nessuno
che mi parli ancora un po’ di lei
ancora un po’ di lei
e non c’è più nessuno
che mi parli ancora un po’ di lei
ancora un po’ di lei.

Ricordo i suoi occhi
strano tipo di donna che era
quando gettò i suoi disegni
con rabbia giù da Ponte Vecchio
– io sono nata da una conchiglia – diceva
– la mia casa è il mare
e con un fiume, no
non la posso cambiare -.

Caro il mio Barbarossa
compagno di un’avventura
certo che se lei se n’è andata
no, non è colpa mia
oh lo so, lo so, lo so
la tua vita non cambierà
ritornerai in Irlanda
con la tua laurea in filosofia
ma io che farò in questa città?
Fottuto di malinconia e di lei.


Per questo canto una canzone triste
triste, triste, triste come me
e non c’è più nessuno
che mi parli ancora un po’ di lei
ancora un po’ di lei
e non c’è più nessuno
che mi parli ancora un po’ di lei
ancora un po’ di lei…”.

—————————————————-

Ivan Graziani, Firenze (Canzone triste) – 4:57
(Ivan Graziani)
Album: Viaggi e intemperie (1980)
Album: Segni d’amore (1989, raccolta)
Album: Personale di Ivan Graziani (1990, raccolta)
Album: All the best (1994, raccolta)
Album: Fragili fiori … livan (1995, raccolta)
Album: Antologia (1997, raccolta)
Album: Firenze-Lugano no stop (2007, raccolta)
Album: Le più belle di … Ivan Graziani (2007, raccolta)
Singolo: “Firenze (canzone triste) / Angelina” (1980, Numero Uno, ZBN 7193)

Brano inserito nella rassegna I luoghi del cuore di InfinitiTesti.

Brano inserito nella rassegna Le canzoni più tristi di Infinititesti.

Per altri testi, approfondimenti e commenti, guarda la discografia completa di Ivan Graziani.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Riferimenti.

Brano inserito nella rassegna Le canzoni più tristi di Infinititesti: “In un’intervista Graziani raccontò d’aver rimesso mano a questa canzone più volte, perché nella versione voluta dal suo precedente produttore “era diventata un film”. Lui ne ha ripreso le redini, ne ha curato l’aspetto musicale – intenso e delicato -, ha tagliato il testo in modo che potesse essere più diretto, ed è venuto fuori uno dei capolavori della musica italiana. Un triangolo amoroso, lui, lei e l’altro (pure straniero). Lui ama lei, lei non si adatta alla città, una Firenze austera e severa che non le perdona nessun errore. Lei va via, l’altro torna in Irlanda con la sua laurea in filosofia, lui rimane solo. Senza più nessuno che gli parli ancora di lei. Un dramma della solitudine e della malinconia. Ma d’altronde è una “canzone triste” sin dal titolo. Consigliato a chi ama intrecci sentimentali anche non a lieto fine, sconsigliato a chi ha qualche incertezza d’amore e si sente troppo solo. Potrebbe accentuare il problema“.

(Arturo Bandini, 30 luglio 2012)

—————————————————-

Citazioni.

Firenze (Canzone triste) narra, sullo sfondo dell’ambiente universitario, della passione amorosa per una giovane artista provata da uno studente irlandese e dal protagonista. La donna – come sovente accade nei brani di Graziani – ad un certo punto scompare, lasciando dietro di sè soltanto la nostalgia figliata dal ricordo: ed una canzone triste-triste”.

(Italica, La canzone d’autore italiana)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-

Comments(5)

  • Franco D.M. Gennaio 3, 2012 2:50 pm

    è una delle colonne di tutta la musica italiana
    impossibile da replicare né come voce né come qualità dell’arrangiamento
    e soprattutto nella sua intrinseca malinconia

  • Gianni Aprile 2, 2012 12:36 am

    è un perfetto equilibrio tra testo e sapienza musicale, e la sua voce è assolutamente inimitabile…

  • Daria Aprile 24, 2012 11:39 am

    che sia una canzone triste c’è scritto anche nel titolo, ma che ti lasciasse senza fiato non era previsto da nessuna parte. E’ una storia che lascia attoniti, distrutti, stupefatti dalla sua bellezza e disperati per la tremenda crudeltà della vita. E’ bello essere giovani, ma in queste condizioni è troppo terribile…

  • King Giugno 22, 2012 6:00 am

    da quando ero piccolo mi sono sempre chiesto che fine avesse fatto LEI… rimarrà uno dei dubbi irrisolti della mia vita

  • Obsessed Agosto 18, 2012 4:48 am

    Queste esperienze sono terribili perché lasciano tanti rimpianti… e magari recriminazioni per una vita che poteva essere felice, ma che alla fine non lo è mai stata…. ma, diciamolo pure, di solito è difficile anche essere felici accanto ad una donna che non si sa decidere tra due uomini…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

UA-10243258-10