—————————————————-

“If you smile at me
I will understand
‘cause that is something
everybody everywhere does in the same language

I can see by your coat, my friend
you’re from the other side
there’s just one thing I’ve got to know
can you tell me please, who won

Say, can I have some of your purple berries
yes, I’ve been eating them for six or seven weeks now
haven’t got sick once
prob’ly keep us both alive

Wooden ships on the water, very free, and easy
easy, you know the way it’s supposed to be
silver people on the shoreline let us be
talk’n ‘bout very free, and easy

Horror grips us as we watch you die
all we can do is echo your anguished cries
stare as all human feelings die
we are leaving, you don’t need us


Go take a sister, then, by the hand
lead her away from this foreign land
far away, where we might laugh again
we are leaving, you don’t need us

And it’s a fair wind
blowin’ warm out of the south over my shoulder
guess I’ll set a course and go”.

—————————————————-

Traduzione.

“Se mi fai un sorriso io capirò
perché si tratta di qualcosa
che chiunque e dovunque
fa nella stessa lingua

Vedo dalla tua giubba, amico
che sei dell’altra parte
c’è solo una cosa che devo sapere
puoi dirmi per favore, chi ha vinto

Senti, potrei avere qualcuna delle tue bacche viola
sì, le mangio da sei o sette settimane
e non sono stato male una volta
probabilmente ci terranno entrambi in vita

Navi di legno sull’acqua, liberissime, e disponibili
disponibili, insomma, come si pensa che sia
gente argentata sul litorale lasciateci stare
e si diceva che sono molto libere, e disponibili…

Ci assale l’orrore vedendovi morire
possiamo solo fare eco alle vostre grida angosciate
fissare attoniti come muoiono tutti i sentimenti umani
ora partiamo, non c’è bisogno di noi

Andiamo allora, prendiamo una sorella per mano
conduciamola via da questa terra straniera
lontano, dove potremo ridere ancora
ora partiamo, non c’è bisogno di noi

Ed è un vento in favore
che soffia caldo da Sud alle mie spalle
credo stabilirò una rotta e via”.

(Traduzione a cura di Marie Jolie)

—————————————————-

Crosby, Stills & Nash, Wooden ships – 5:29
(Crosby, Stills, Paul Kantner [uncredited])
Album: Crosby, Stills & Nash (1969)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Crosby, Stills, Nash & Young.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-