“Ella despidió a su amor
el partió en un barco en el muelle de San Blás
el juró que volvería y empapada en llanto
ella juró que esperaría
miles de lunas de lunas pasaron
y siempre ella estaba en el muelle, esperando
muchas tardes se anidaron
se anidaron en su pelo y en sus labios

Llevaba el mismo vestido
y por si el volviera no se fuera a equivocar
los cangrejos le mordían
sus ropajes, su tristeza y su ilusión
y el tiempo se escurrió
y sus ojos se le llenaron de amaneceres
y del mar se enamoró
y su cuerpo se enraizó en el muelle

Sola, sola, en el olvido
sola, sola con su espíritu
sola, sola con su amor el mar
sola, en el muelle de San Blas

Su cabello se blanqueó
pero ningún barco a su amor le devolvía
y en el pueblo le decían
le decían la loca del muelle de San Blás
y una tarde de abril
la intentaron trasladar al manicomio
nadie la pudo arrancar
y del mar nunca jamás la separaron

Sola, sola, en el olvido
sola, sola con su espíritu
sola, sola con su amor el mar
sola, en el muelle de San Blás

Sola, sola se quedó”.

—————————————————-

Traduzione.

“Lei salutò il suo amore
lui partì con una nave nel porto di San Blás
le giurò che sarebbe tornato e singhiozzava
lei giurò che l’avrebbe aspettato
passarono mille lune
e lei stava sempre al porto, ad aspettare
molte notti si annidarono
si annidarono fra i suoi capelli e le sue labbra

Indossava lo stesso vestito
così che se lui fosse tornato non si sarebbe sbagliato
i granchi le mordevano il suo bel vestito
la sua tristezza e le sue illusioni
e il tempo passava
e i suoi occhi si riempirono di mattine
e si innamorò del mare
e il suo corpo mise radici nel porto

Sola, sola, col ricordo
sola, sola col suo spirito
sola col suo amore, il mare
sola, nel porto di San Blás

I capelli le diventarono bianchi
però nessuna nave le riportò il suo amore
e nel paese la chiamavano
la chiamavano la pazza del porto di San Blás
e una sera d’aprile
cercarono di portarla al manicomio
nessuno riusciva ad avvicinarla
e non la separarono più dal mare

Sola, sola, col ricordo
sola, sola col suo spirito
sola col suo amore, il mare
sola, nel porto di San Blás

Sola, sola rimase”.

—————————————————-

Maná, En el muelle de San Blás – 5:51
(Fernando Fher Olvera, Alex González)
Album: Sueños líquidos (1997)

Brano inserito nella rassegna Le canzoni più tristi di Infinititesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Maná.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

En El Muelle De San Blas è il quarto singolo, nonché ottava traccia, estratto dall’album Sueños líquidos dei Maná nel 1997. La canzone è stata scritta e prodotta da Fernando Fher Olvera e Alex González. La settimana del 23 maggio del 1998 il singolo viene lanciato in radio per la prima volta e raggiunge la diciottesima posizione della Top Latin Songs in America e resta in classifica per un totale di sei settimane. Il testo della canzone si ispira alla storia di Rebeca Mendez Jimenez di Puerto Vallarta. Da giovane Rebeca si fidanzò con Manuel, un ragazzo di Puerto Vallarta, poco prima del matrimonio questi partì per una battuta di pesca, promettendo all’amata di tornare al più presto. Sfortunatamente il peschereccio sul quale il ragazzo si imbarcò non fece mai ritorno. Rebeca, disperata, continuò ad aspettarlo al Muelle de San Blas, vestita in abito da sposa. La donna morì nel settembre del 2012, dopo aver aspettato il suo grande amore per tutta la vita. Durante un viaggio nella cittadina Puerto Vallarta, il cantante dei Maná conobbe l’anziana Rebeca e, ascoltata la sua storia, decise di scrivere “En el muelle de San Blás“.

(Wikipedia, voce En El Muelle De San Blas)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-