John Denver – Annie’s song (testo e traduzione)

————————————————

Testo.

“You fill up my senses
like a night in the forest
like the mountains in springtime
like a walk in the rain
like a storm in the desert
like a sleepy blue ocean
you fill up my senses
come fill me again

Come let me love you
let me give my life to you
let me drown in your laughter
let me die in your arms
let me lay down beside you
let me always be with you
come let me love you
come love me again

Let me give my life to you
come let me love you
come love me again

You fill up my senses
like a night in the forest
like the mountains in springtime
like a walk in the rain
like a storm in the desert
like a sleepy blue ocean
you fill up my senses
come fill me again”.


————————————————

Traduzione.

“Tu riempi i miei sensi
come una notte nella foresta
come le montagne a primavera
come una passeggiata sotto la pioggia
come una tempesta di sabbia nel deserto
come un placido blu oceano
tu riempi i miei sensi
vieni a riempirmi di nuovo

Vieni, lascia che ti ami
lascia che ti doni la mia vita
lasciami annegare nel tuo sorriso
fammi morire fra le tue braccia
lascia che mi stenda al tuo fianco
fammi stare sempre con te
vieni, lascia che ti ami
e amami ancora

Lascia che ti doni la mia vita
lascia che ti ami
e amami ancora

Tu riempi i miei sensi
come una notte nella foresta
come le montagne a primavera
come una passeggiata sotto la pioggia
come una tempesta di sabbia nel deserto
come un placido blu oceano
tu riempi i miei sensi
vieni a riempirmi di nuovo”.

(Traduzione a cura di Arturo Bandini e Marie Jolie)

————————————————

John Denver, Annie’s song – 2:58
(John Denver)
Album: Back home again (1974)
Singolo: “Annie’s song / Cool An’ Green An’ Shady” (1974)

Brano inserito nella rassegna Le canzoni d’amore più belle di Infinititesti

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate alle donne di InfinitiTesti, sotto il nome Annie.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di John Denver.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

————————————————

Significato e citazioni.

Annie’s Song” (conosciuta anche come “Annie’s Song (You Fill Up My Senses)“) è una canzone scritta ed incisa dal cantautore americano John Denver. La canzone è stata pubblicata come singolo principale dal suo ottavo album in studio Back Home Again. Fu la sua seconda canzone al primo posto in classifica negli Stati Uniti, e occupò quel posto per due settimane nel luglio 1974. “Annie’s Song” fu anche numero uno della classifica Easy Listening. Billboard la classificò al venticinquesimo posto come la canzone del 1974.

Finì anche al primo posto in classifica nel Regno Unito, dove è stato l’unico singolo di successo di Denver. Quattro anni dopo, una versione strumentale divenne anche l’unico grande successo britannico del flautista James Galway.

Annie’s Song” è stata scritta come un’ode alla moglie di Denver dell’epoca, Annie Martell Denver. Denver “scrisse questa canzone nel luglio del 1973 in circa dieci minuti e mezzo un giorno su un impianto di risalita” fino alla cima dell’Aspen Mountain ad Aspen, in Colorado, poiché l’euforia fisica di aver “appena sciato lungo una pista molto difficile” e la sensazione di totale immersione nella bellezza dei colori e dei suoni che riempivano tutti i sensi lo ispirarono a pensare a sua moglie. Annie Denver ricorda gli inizi: “È stata scritta dopo che John e io avevamo attraversato un periodo piuttosto intenso insieme e le cose andavano abbastanza bene per noi. Partì per andare a sciare e salì sull’impianto dell’Ajax sul monte Aspen e la canzone gli arrivò in testa. Sciò giù, tornò a casa e la scrisse… Inizialmente era una canzone d’amore e mi è stata data attraverso lui, eppure per lui è diventata un po’ come una preghiera”.

“La prima volta che ascoltai ‘Annie’s Song‘, dissi a John che aveva la stessa melodia della Quinta Sinfonia, Secondo Movimento di Tchaikovsky”, dice Milt Okun. “Si avvicinò al pianoforte, si sedette per un’ora e tornò indietro, e l’unica cosa rimasta di Tchaikovsky furono le prime cinque note. È stato fantastico”.

Shawn M. Haney di Allmusic ha notato l’emotività espressiva della canzone, definendola un “tearjerker mai così romantico”. Haney ha elogiato “Annie’s Song” come “uno dei migliori successi di Denver“. Billboard la definì una “bella canzone d’amore”.

(Wikipedia, voce Annie’s Song)

————————————————

InfinitiTesti.com

Contatti
Artisti italiani
Artisti stranieri
Traduzioni
Discografie scelte
Rassegne e speciali

————————————————

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

————————————————

————————————————

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Arturo Bandini (ad interim) (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

————————————————

Unisciti alla discussione

8 commenti

  1. NIce one,i remember this country singer way back my younger years,i listened to many of his songs and still listening until now.

  2. una delle più belle canzoni d’amore mai scritte nei secoli… la voce di John Denver riflette la purezza del suo cuore…

  3. Absolutely right. Denver’s poetry is the future in every sense. Because if we don’t listen to his love songs, then there might not be a future at all.

  4. è amore puro che sgorga dal cuore, ne abbiamo tanto bisogno…
    …grazie per avercela ricordata ancora una volta, e questa rassegna non smetterà mai di farmi felice e di farmi piangere nello stesso tempo….

  5. Difficile crederlo oggi… in UK questa canzone alla sua uscita era stata censurata dalle radio per la riga “let me lay down beside you” … almeno così mi dice chi allora già ci abitava, ma non era l’800, erano già gli anni ’70… d’altronde i Puritani venivano dall’Inghilterra, e gli inglesi lo sono rimasti anche oggi dei puritani…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *