Fabrizio De André – Il suonatore Jones (testo)

————————————————

“In un vortice di polvere
gli altri vedevan siccità
a me ricordava la gonna di Jenny
in un ballo di tanti anni fa.

Sentivo la mia terra vibrare di suoni
era il mio cuore
e allora perché coltivarla ancora
come pensarla migliore.

Libertà l’ho vista dormire nei campi coltivati
a cielo e denaro, a cielo ed amore
protetta da un filo spinato.

Libertà l’ho vista svegliarsi
ogni volta che ho suonato
per un fruscìo di ragazze a un ballo
per un compagno ubriaco.

E poi se la gente sa
e la gente lo sa che sai suonare
suonare ti tocca per tutta la vita
e ti piace lasciarti ascoltare.


Finii con i campi alle ortiche
finii con un flauto spezzato
e un ridere rauco
ricordi tanti e nemmeno un rimpianto”.

————————————————

Fabrizio De André, Il suonatore Jones – 4:23
(Fabrizio De André)
Album: Non al denaro, non all’amore né al cielo (1971)

Brano inserito nella rassegna Le canzoni più tristi di Infinititesti.

Per altri testi, approfondimenti e commenti, guarda la discografia completa di Fabrizio De André.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

————————————————

Riferimenti:

Brano inserito nella rassegna Le canzoni più tristi di Infinititesti: “In uno dei suoi migliori album, Non al denaro, non all’amore, né al cielo del 1971, De André non inserì molti brani allegri. Anzi, potremmo dire che tutte le canzoni lasciavano trasparire sentimenti di amarezza, delusione e tristezza. Il suonatore Jones, comunque, le batte tutte. A partire dall’arrangiamento, chitarra e flauti, racconta in poche parole la vita di un musicista errante, amante della propria libertà, finito a morire in un campo d’ortiche, probabilmente per mano di quelli che hanno sempre odiato la libertà degli altri. Le voci femminili del finale lasciano spazio ad una nostalgia da western di Sergio Leone. Consigliato a chi ama la buona musica ed i suoi sentimenti, sconsigliato a tutti gli altri. De André si ama o si odia, non ci sono mezze misure”.

————————————————

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

————————————————

————————————————

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

————————————————

Unisciti alla discussione

5 commenti

  1. Il suonatore Jones è in realtà il “Fiddler Jones” (il violinista Jones) di Edgar Lee Masters, una poesia della sua Antologia di Spoon River. De André cambiò lo strumento musicale perché nella metrica della canzone il violinista “stonava” 🙂
    Mi ricordo che questa poesia fu tradotta dalla Fernanda Pivano con straordinaria maestria, sarebbe una cosa giusta affiancarla per un confronto letterale (e letterario)…

  2. molto più interessante il personaggio di De André rispetto a quello di Masters
    penso che chi ha letto l’Antologia di Spoon River possa essere pienamente d’accordo con me

  3. capolavoro, ma lascia dentro un’amarezza infinita
    mi viene in mente come l’artista, il musicista, lo scrittore non siano mai stati protetti da questa società in crisi di valori….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *