Iron Maiden – Wasted years (testo e traduzione)

————————————————

“From the coast of gold, across the seven seas
I’m travelling on, far and wide
but now it seems
I’m just a stranger to myself
and all the things I sometimes do
it isn’t me but someone else

I close my eyes and think of home
another city goes by in the night
ain’t it funny how it is
you never miss it ’til it’s gone away
and my heart is lying there
and will be ’til my dying day

So understand, don’t waste your time
always searching for those wasted years
face up, make your stand
and realize you’re living in the golden years

Too much time on my hands
I got you on my mind
can’t ease this pain, so easily
when you can’t find the words to say
it’s hard to make it through another day
and it makes me want to cry
and throw my hands up to the sky

So understand, don’t waste your time
always searching for those wasted years
face up, make your stand
and realize you’re living in the golden years…”.


————————————————

Traduzione.

“Dalla costa d’oro, attraverso i Sette Mari
viaggio in lungo e in largo
ma adesso mi sembra
di essere estraneo a me stesso
e che non sia io a fare tutte le cose
che a volte faccio, ma un altro.

Chiudo gli occhi pensando a casa
un’altra città se ne va nella notte
non è buffo quel che succede?
Non ti manca qualcosa
fino a quando non l’hai persa?
E il mio cuore giace lì
e lì giacerà sino al giorno della mia morte

Allora, cerca di capire
non sprecare il tuo tempo
rimpiangendo quegli anni perduti
solleva il viso, e lotta
e renditi conto di stare
vivendo i tuoi anni migliori

Ho troppo tempo a disposizione
tu sei nei miei pensieri
non puoi calmare facilmente questo dolore
quando non riesci a trovare
le parole per esprimerlo
e diventa dura resistere un giorno ancora
e questo mi fa venire voglia di piangere
e tendere le mani al cielo.

Allora, cerca di capire
non sprecare il tuo tempo
rimpiangendo quegli anni perduti
solleva il viso, e lotta
e renditi conto di stare
vivendo i tuoi anni migliori”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd)

————————————————

Iron Maiden, Wasted years – 5:06
(Smith)
Album: Somewhere in time (1986)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

————————————————

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

————————————————

————————————————

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Arturo Bandini (ad interim) (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

————————————————

Unisciti alla discussione

21 commenti

  1. grande… è una delle mie preferite degli IM, anche per la sua “umanità”. Testo rivolto ai giovani-giovanissimi, invitati ad evitare di pensare ai wasted years, che non si accorgono di essere sono l’inizio della loro vita…

  2. bellissima questa, grandiosi gli Iron Maiden 🙂
    peccato non ve ne freghi poi tanto del metal … quello storico neee… i risultati non sono malaccio…… 🙂

  3. quando eravamo giovani abbiamo perso tanto di quel tempo dietro alle caxxate… ora che siamo più vecchi cerchiamo di evitare ai nostri figli le caxxate che abbiamo fatto… ma non c’è niente da fare, come al solito si renderanno conto che stanno vivendo i loro golden years solo quando saranno vecchi come noi…

  4. scusate ma più che parlare di introspezioni sociologiche, io vorrei citare il mitico guitar solo….

  5. mi fanno ridere i ragazzotti che a diciotto anni pensano d’avere già un passato
    come mi fanno ridere i vegliardi che a cinquant’anni pensano d’avere ancora un futuro
    golden o wasted years, bisognerebbe capire che a volte coincidono, così da vivere più serenamente tutti gli anni della nostra esistenza

  6. quante ne pensate……….. io preferisco ascoltarla…. anche perchè di gruppi come gli IM non ce ne sono più nel panorama internazionale…………..

  7. i Devildriver ne hanno fatto una cover qualche anno fa … persino più heavy !!
    a me è piaciuta molto ma ai miei amici mmolto più radicals di me ha fatto vomitare!

  8. gli IM hanno sempre invitato a non mollare mai e la loro musica non è mai stata per i mammoccioni piagnucolosi … chi amava gli IM faceva a fette chi ascoltava Claudio Baglioni!

  9. un brano che dà una bella carica
    anche con una vena di nostalgia
    “I close my eyes and think of home
    another city goes by in the night
    ain’t it funny how it is”

  10. la vecchia Pulzella di Ferro 🙂
    ‘sta canzone me la porto nella bara
    almeno ho qualche speranza di risorgere pur’io
    😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *