—————————————————-

“Easter Sunday, we were walking
Easter Sunday, we were talking
Isabel, my little one
take my hand, time has come.

Isabella, all is glowing
Isabella, all is knowing
and my heart, Isabella
and my head, Isabella.

Frederick and Vitalie
savior dwells inside of thee
oh, the path leads to the sun
brother, sister, time has come.

Isabella, all is glowing
Isabella, all is knowing
Isabella, we are dying
Isabella, we are rising.

I am the spring, the holy ground
the endless seed of mystery
the thorn, the veil, the face of grace
the brazen image, the thief of sleep
the ambassador of dreams, the prince of peace.


I am the sword, the wound, the stain
scorned transfigured child of Cain
I rend, I end, I return
again I am the salt, the bitter laugh.

I am the gas in a womb of light
the evening star
the ball of sight that leads
that sheds the tears of Christ
dying and drying as I rise tonight.

Isabella, we are rising
Isabella, we are rising”.

—————————————————-

Traduzione.

“Domenica di Pasqua, stavamo camminando
domenica di Pasqua, stavamo parlando
Isabella, piccola mia
prendi la mia mano, il momento è arrivato

Isabella tutto è luce
isabella tutto è sapere
anche il mio cuore, Isabella
anche la mia testa, Isabella

Frederick e Vitalie
il salvatore dimora in te
oh, il sentiero conduce al sole
fratello, sorella il momento è arrivato

Isabella tutto è luce
isabella tutto è sapere
Isabella stiamo morendo
Isabella stiamo risorgendo

Io sono la primavera, la terra sacra
il seme infinito del mistero
sono la spina, il velo, il volto della grazia
l’immagine sfrontata, il ladro del sonno
sono l’ambasciatore dei sogni
il principe della pace.

Io sono la spada, la ferita, la macchia
il figlio trasfigurato e disprezzato di Caino
mi squarcio, termino e ritorno
e ancora sono il sale, la risata amara

Io sono il gas in un grembo di luce
la stella della sera
la sfera dello sguardo che conduce
e versa le lacrime di Cristo
risorgo stanotte morendo ed inaridendo

Isabella stiamo risorgendo
isabella stiamo risorgendo”.

(Traduzione a cura di Francesca Crisci)

—————————————————-

Patti Smith, Easter – 6:15
(Patti Smith, Jay Dee Daugherty)
Album: Easter (1978)

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate alle donne di InfinitiTesti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-