—————————————————-

“Fourteenth of February, eighteen ninety nine
the British ship Veronica was lost without a sign
baa baa black sheep, you haven’t any wool
Captain Richardson left himself a lonely wife in Hull.

Cherub, I lost a ship in the Baltic sea
I’m on an iceberg running free
sitting, filing this berg to the shape of a ship
sailing my way back to your lips
one passing ship gave word
that you have moved out of your old flat
you love the Vicar more then words can say
tell him to pray that I won’t melt away
and I’ll see your face again.

Odessa, how strong am I?
Odessa, how time goes by.

Treasure, you know the neighbours that live next door
they haven’t got their dog anymore
freezing, sailing around in the North Atlantic
can’t seem to leave the sea anymore
I just can’t understand why you just moved to Finland
you love that Vicar more then words can say
ask him to pray that I won’t melt away
and I’ll see your face again.

Odessa, how strong am I?
Odessa, how time goes by.


Fourteenth of February, eighteen ninety nine
the British ship Veronica was lost without a sign”.

—————————————————-

Traduzione.

“Quattordici Febbraio, milleottocentonovantanove
la nave britannica Veronica sparì senza un segnale
baa baa pecora nera, non hai più lana
il Capitano Richardson ha lasciato una moglie sola ad Hull

Cherub, ho perso una nave nel Mar Baltico
sto su un iceberg che vaga senza controllo
ci sto seduto, e lo rifilo a forma di nave
navigo sulla via del ritorno alle tue labbra
una nave di passaggio ha passato parola
che ti sei trasferita dal vecchio appartamento
ami il Vicario più di quanto si possa dire a parole
digli di pregare che io non mi disperda
e che torni a vederti

Odessa, quanto sono forte?
Odessa, come passa il tempo

Tesoro, conosci i vicini della porta accanto
non hanno più il loro cane
gelo mentre navigo nell’Atlantico del Nord
non riesco più a lasciare questo mare
non riesco proprio a capire
perché ti sei trasferita in Finlandia
ami il Vicario più di quanto si possa dire a parole
chiedigli di pregare che io non mi disperda
e che torni a vederti

Odessa, quanto sono forte?
Odessa, come passa il tempo

Quattordici Febbraio, milleottocentonovantanove
la Nave Britannica Veronica sparì senza un segnale”.

(Traduzione a cura di Marie Jolie)

—————————————————-

Bee Gees, Odessa (City on the Black Sea) – 7:33
(Barry Gibb, Robin Gibb, Maurice Gibb)
Album: Odessa (1969)

Brano inserito nella rassegna I luoghi del cuore di InfinitiTesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Bee Gees.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-