“In a matter of a moment
lost till the end of time
it’s the evening of another day
and the end of mine

Now the starlight which has found me
lost for a million years
tries to linger as it fills my eyes
till it disappears

Could it be that somebody else is
looking into my mind

Some other place, somewhere
some other time
some other place, somewhere
some other time

Like a mirror held before me
large as the sky is wide
and the image is reflected
back to the other side

Could it be that somebody else is
looking into my mind

Some other place, somewhere
some other time
some other place, somewhere
some other time”.

—————————————————-

Traduzione.

“Nel corso di un momento
che dura fino alla fine del tempo
è la sera di un altro giorno
e la fine del mio

La luce delle stelle mi ha scovato
dopo un milione di anni
si sofferma a riempirmi gli occhi
e infine scompare

Può darsi che ci sia qualcuno
che sta scrutando nella mia mente

In un altro posto, da qualche parte
in un’altra dimensione
in un altro posto, da qualche parte
in un’altra dimensione

E’ come se davanti avessi uno specchio
largo quanto il cielo
e l’immagine venisse però
riflessa sull’altro lato

Può darsi che ci sia qualcuno
che sta scrutando nella mia mente

In un altro posto, da qualche parte
in un’altra dimensione
in un altro posto, da qualche parte
in un’altra dimensione”.

(Traduzione a cura di Marie Jolie)

—————————————————-

Alan Parsons Project, Some other time – 4:06
(testo e musica: Alan Parsons, Eric Woolfson; voce: Peter Straker e Jaki Whitren)
Album: I Robot (1977)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa degli Alan Parsons Project.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

“La terza canzone, Some Other Time, è una struggente ballata dominata dal canto malinconico di Peter Straker e Jaki Whitren, che ricorda i bei momenti andati, rassegnandosi all’idea che una nuova era stia per incominciare, in cui l’essere umano sarà spazzato via dai nuovi dominatori: le macchine. Caratteristica peculiare musicale del pezzo è l’alternanza tra momenti calmi e tristi, in cui è presente la voce, e momenti carichi di potenza, estremamente solenni, guidati dall’orchestra diretta da Powell. L’unico momento in cui le due parti si fondono è il ritornello, la parte più alta di tutta la composizione: al termine del primo Chorus è presente un assolo di sintetizzatore, sempre desolato, e di chitarra elettrica, allegro e vivace; al finale del secondo invece è presente solo la chitarra che esegue un solo veramente epico a cui segue l’orchestra e tutti gli altri strumenti, in un’esplosione musicale veramente pregevole”.

(Wikipedia, voce I Robot)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-