—————————————————-

“Searching for diamonds in a sulphur mine
leaning on props which are rotten
hoping for anything, looking for a sign
that I am not forgotten
lost in a labyrinth of future mystery
tracing my steps, all mistaken
trusting to everything, praying it can be
that I am not forsaken.

I wait by the door, wondering
when you will come and keep me warm
I pray for the end of the night
hoping the light will still the storm
which presently entraps me
helpless sea-monster stranded on the shore
marooned in an ecstasy of waiting
I yearn, although knowing
that I shall dive no more
in the tide already racing.

My lungs burst to cry: – Finally
how could you leave me here to die?
I freeze in the chill of this place
with no friendly face to smile goodbye
how could you let it happen? –

How could you let it happen?
Dreams, hopes and promises
fragments out of time
all of these things have been spoken
but still you don’t understand how it feels
when I’m waiting for them to be broken”.

—————————————————-


Traduzione.

“Cerco diamanti in una miniera di zolfo
mi appoggio a sostegni ormai marciti
spero in qualcosa, aspetto un segnale
che non sono stato dimenticato
perso nel labirinto di un futuro incerto
seguo le mie tracce, tutte sbagliate
mi affido ad ogni cosa
prego che non mi abbiano abbandonato

Aspetto vicino alla porta, e mi chiedo
quando verrai a darmi calore
Prego perché finisca la notte
e venga la luce a placare la tempesta
che mi tiene prigioniero:
inerme mostro marino arenato sulla spiaggia
smarrito nell’estasi dell’attesa
mi struggo, anche se so
che non mi tufferò più in questa marea

Grido fino allo sfinimento:
– Come, come hai potuto lasciarmi a morire qui?
Sto gelando nel freddo che c’è
neanche un viso amico che mi sorrida nell’addio
come hai potuto permetterlo? –

Come hai potuto permetterlo?
Sogni, speranze, e promesse
istanti fuori dal tempo
di tutto questo si era detto
ma tu ancora non sai cosa si prova
quando ne senti arrivare la fine”.

(Traduzione a cura di Marie Jolie)

—————————————————-

Van Der Graaf Generator, My room (Waiting for Wonderland) – 8:02
(Peter Hammill)
Album: Still life (1976)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Marie Jolie
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-