—————————————————-

“It’s true that all the men you knew were dealers
who said they were through with dealing
every time you gave them shelter
I know that kind of man
it’s hard to hold the hand of anyone
who is reaching for the sky just to surrender
who is reaching for the sky just to surrender.

And then sweeping up the jokers that he left behind
you find he did not leave you very much not even laughter
like any dealer he was watching for the card
that is so high and wild
he’ll never need to deal another
he was just some Joseph looking for a manger
he was just some Joseph looking for a manger.

And then leaning on your window sill
he’ll say one day you caused his will
to weaken with your love and warmth and shelter
and then taking from his wallet
an old schedule of trains, he’ll say
I told you when I came I was a stranger.

But now another stranger seems
to want you to ignore his dreams
as though they were the burden of some other
o you’ve seen that man before
his golden arm dispatching cards
but now it’s rusted from the elbows to the finger
and he wants to trade the game he plays for shelter
yes he wants to trade the game he knows for shelter.

Ah you hate to watch another tired man
lay down his hand
like he was giving up the holy game of poker
and while he talks his dreams to sleep
you notice there’s a highway
that is curling up like smoke above his shoulder.


You tell him to come in sit down
but something makes you turn around
The door is open you can’t close your shelter
you try the handle of the road
it opens do not be afraid
it’s you my love, you who are the stranger
it’s you my love, you who are the stranger.

Well, I’ve been waiting, I was sure
we’d meet between the trains we’re waiting for
I think it’s time to board another
please understand, I never had a secret chart
to get me to the heart of this
or any other matter
when he talks like this
you don’t know what he’s after
when he speaks like this
you don’t know what he’s after.

Let’s meet tomorrow if you choose
upon the shore, beneath the bridge
that they are building on some endless river
then he leaves the platform
for the sleeping car that’s warm
you realize, he’s only advertising one more shelter
and it comes to you, he never was a stranger
and you say ok the bridge or someplace later.

And then sweeping up the jokers that he left behind
you find he did not leave you very much not even laughter
like any dealer he was watching for the card
that is so high and wild
he’ll never need to deal another
he was just some Joseph looking for a manger
he was just some Joseph looking for a manger.

And then leaning on your window sill
he’ll say one day you caused his will
to weaken with your love and warmth and shelter
and then taking from his wallet
an old schedule of trains, he’ll say
I told you when I came I was a stranger
I told you when I came I was a stranger.

I told you when I came I was a stranger”.

—————————————————-

Traduzione.

“E’ così, tutti gli uomini che hai conosciuto erano dei mazzieri
che dicevano di averla fatta finita col gioco
ogni volta che gli offrivi rifugio
conosco quel tipo d’uomo
è dura andare per mano con uno
che le alza fino al cielo solo per arrendersi
che le alza fino al cielo solo per arrendersi

E mentre raccogli i jolly che si era lasciato dietro
ti accorgi che non ti ha lasciato molto
nemmeno sorrisi
come tutti i giocatori prestava attenzione
solo a quella carta così alta e decisiva
che gli avrebbe permesso di non cercarne un’altra
era come Giuseppe in cerca della mangiatoia
come Giuseppe in cerca della mangiatoia

E un giorno ti dirà affacciandosi
al davanzale della tua finestra
che sei stata tu a fiaccare la sua volontà
con il tuo amore e il calore e il rifugio
e togliendo dal portafogli
un vecchio orario dei treni ti dirà
lo sapevi al mio arrivo che ero un estraneo

Ora sembra che un altro estraneo
ti voglia per ignorare i suoi sogni
come fossero il carico di qualcun altro
hai già visto quell’uomo
distribuiva le carte col suo braccio d’oro
ora arrugginito dal gomito alle dita
e cerca un rifugio in cambio della sua mano di carte
cerca rifugio in cambio della mano di carte svelata

Detesti stare a guardare
un altro uomo stanco che mette giù le carte
come se stesse abbandonando
il sacro gioco del poker
e mentre spedisce i suoi sogni a dormire
noti una specie di autostrada
che si snoda come una voluta di fumo sulla sua spalla

Gli dici di entrare e di sedersi
ma qualcosa ti fa voltare indietro
la porta è aperta non puoi chiudere il tuo rifugio
provi la maniglia che dà sulla strada
si apre, non avere paura
sei tu, amore mio, che sei l’estranea
sei tu, amore mio, che sei l’estranea

E così ti ho aspettato, ero sicuro
che ci saremmo incontrati
tra i treni che stiamo aspettando
credo sia tempo di salire su di un altro
cerca di capire, non ho mai avuto una mappa segreta
che mi consenta di arrivare al cuore
di un argomento o dell’altro
quando lui ti parla così
non riesci a capire cosa sta cercando
quando parla così
non riesci a capire che cosa sta cercando

Incontriamoci domani se ti va,
sulla battigia o sotto il ponte
in costruzione su di un fiume infinito
quindi lui lascia il binario
per il vagone letto al caldo
e allora lo capisci
sta solo pubblicizzando un altro rifugio
e ti rendi conto che non era mai stato un estraneo
e allora dici ok va bene il ponte
o un altro posto, più tardi

E mentre raccogli i jolly che si era lasciato dietro
ti accorgi che non ti ha lasciato molto
nemmeno sorrisi
come tutti i giocatori prestava attenzione
solo a quella carta così alta e decisiva
che gli avrebbe permesso di non cercarne un’altra
era come Giuseppe in cerca della mangiatoia
come Giuseppe in cerca della mangiatoia

E un giorno ti dirà affacciandosi
al davanzale della tua finestra
che sei stata tu a fiaccare la sua volontà
con il tuo amore e il calore e il rifugio
e togliendo dal portafogli
un vecchio orario dei treni ti dirà
lo sapevi al mio arrivo che ero un estraneo
lo sapevi al mio arrivo che ero un estraneo…”.

(Traduzione a cura di Marie Jolie)

—————————————————-

Leonard Cohen, The stranger song – 5:00
Album: Songs of Leonard Cohen (1967)

Brano inserito nella colonna sonora del film I compari (1971, tit. orig. McCabe & Mrs. Miller), diretto da Robert Altman, con Warren Beatty e Julie Christie.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Leonard Cohen.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

“State facendo una buona analisi di questa canzone, ma è una canzone basata sul film L’uomo dal braccio d’oro interpretato da Frank Sinatra. Nel testo c’è perfino il titolo del film. Se andate a vedere potrete fare il confronto”.

(abuseforapie su Songmeanings.net, 24 giugno 2011)

Testo originale:

You guys have every good analysis’s of this song, but it’s song which is based on the movie “Man with the Golden Arm” starring Frank Sinatra. He even references the movie’s title in the song. Go ahead and watch it, you’ll see the parallels“.

—————————————————-

“Penso che il poeta parli della natura delle relazioni tra un uomo ed una donna – come nel poker, entrambe le parti mancano di informazioni sull’avversario e l’unico vantaggio di un giocatore sta nel “leggere” la strategia dell’altro ed agire di conseguenza. All’inizio sembra chiaro che l’uomo è avvantaggiato sulla donna, e la usa come rifugio. In seguito invece cambia e l’estranea è la donna che chiede all’uomo di rinunciare al suo sogno e cerca di chiudere la porta del rifugio. La soluzione secondo la canzone consiste nell’incontrarsi in territorio neutro – un ponte o in riva al mare (simbolo di libertà) senza alcun impegno”.

(uub21iec su Songmeanings.net, 18 marzo 2011)

Testo originale:

I think this poet speaks of the nature of relations between a man and a woman – as in a game of poker, both sides have a lack of information on their opponents and the only advantage of a player is that he can “read” the other’s side strategy and situation and act upon it. In the begining of the song it is quite clear that the man takes advantage of the women, using her as shelter. later on it turns out that the stranger – is the woman that asks the man to give up his dream and tries to close the door of the shelter. the solution in this song is to meet in a nutreal place – some bridge or shore (symbol of freedom) without any comitments“.

—————————————————-

“Il significato per me è più profondo nella definizione di “giocatore”. Un giocatore è onesto, e fa affidamento sulle probabilità e sulla propria capacità di leggere la mano di carte degli altri giocatori osservando le loro reazioni e le loro espressioni. Il mazziere invece imbroglia, anche quando gioca per la casa, è implicito che la casa vince sempre. Ma il mazziere è il giocatore disonesto che sfrutta slealmente un vantaggio. Quindi essere un giocatore va bene, sia per l’uomo che per la donna, essere disonesti no. Pone una persona in una certa luce, per cui in qualsiasi suo contatto umano, in relazioni superficiali o intime, lo si considera uno sleale, ma deve arrivare a curare questa sua debolezza, sperando che abbia un’altra possibilità di “fare un punteggio” così alto da diventare onesto. Nella sua filosofia la scusa che usa per giustificare i suoi imbrogli è che diversamente non può vincere, ovvero la necessità di fare il bene dell’azienda. Uno dei più bei brani mai scritti, porta come tutta l’arte di Cohen un grande carico di filosofia esistenziale, che lo stacca da tutti gli altri: la profondità della sua analisi, l’umanità che sviluppa la sua arte. Incredibilmente bello, evidenzia il livello di maestria artigianale, nella cura di ogni più piccolo dettaglio. La sua arte non smette e non smetterà mai di stupirmi. Grazie Leonard”.

(Georgeb su Songmeanings.net, 11 febbraio 2011)

Testo originale:

I think that the meaning goes even deeper than the notion of “player”: A player is honest, and relies only on chance, and the ability to read the hand given to the other players by studying their patterns of reaction and expression. A dealer, on the other hand is a cheat, even when dealing for the house, it is implied that the house always win. But the dealer is that dishonest player that depends upon a disloyal advantage. So while being a player is OK, for both man and woman, to be dishonest is not. It places one on the “Wanted” list, so the way he approaches people, relations from casual to intimate, is starting from the premises that he is known to be disloyal, but he has to come across as being cured of that illness, hopeful that he will be given another opportunity to “score” so big that he will become honest. In his philosophy the excuse given for cheating is an uneven chance that he cannot overcome otherwise, therefore the necessity of the enterprise. The song is one of the best ever written, it caries, like all Mr. Cohen’s art a heavy load of philosophy of life, that putts him aside from all other composer-writers: the depth of his analysis, the humanity that evolves from his art. Amazingly beautiful, it shows the level of craftmanship, the attention for the minute detail. His art never ceasses to amaze me, more than likely it never will. Thank you Leonard“.

—————————————————-

“Il punto in cui manda i suoi sogni a dormire probabilmente indica che sta cercando di convincerla, mentre lei comincia ad essere dipendente da lui, ed il fumo che vede le ricorda un’autostrada – si accorge che lui potrebbe lasciarla. Nella parte successiva lei lo invita ad entrare, decidendo dopo di avere sbagliato. Vediamo in seguito, che LEI è quella che vuole abbandonare LUI. E’ lei l’estranea. Lui parla di incontrarsi fra i treni che stanno aspettando. E’ evidente che il loro incontrarsi è una cosa di passaggio. Staranno insieme, e poi partiranno. Lui dice che non ha mappe segrete. Stava solo sfogando un istinto, non voleva avvantaggiarsi su di lei, lei ha equivocato. In psicologia, lo chiamerebbero ciclo di dipendenza amorosa/fuga dall’amore. Lei lo ama quando rappresenta qualcosa che non può avere, e quando lui è disponibile al rapporto questo risulta per lei troppo profondo”.

(Gravitydown su Songmeanings.net, 22 novembre 2010)

Testo originale:

The bit about talking his dreams to sleep probably means he is trying to convince her, but by this point, she is beginning to grow dependent on him, and the smoke she sees reminds her of the highway – she recognizes that he can leave her again. The next part is her inviting him in, and then deciding it was a mistake. We see then, that SHE is the one who wants to abandon HIM. She is the stranger. He talks about meeting between the trains they are waiting for. He is entirely clear that their meeting is a passing thing. They will be together, and then depart. He says he had no secret chart. He was working off instinct, he wasn’t trying to take advantage of her at all, she has just been misunderstanding. In psychology, it would be called a love-addiction, love-avoidance cycle. She loves him when he is something she can’t have, and then when he’s ready to be close, it is too intense for her“.

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini e Marie Jolie
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-