—————————————————-

“On bended knee is no way to be free
lifting up an empty cup, I ask silently
all my destinations will accept the one that’s me
so I can breathe…

Circles they grow and they swallow people whole
half their lives they say goodnight
to wives they’ll never know
a mind full of questions, and a teacher in my soul
and so it goes…

Don’t come closer or I’ll have to go
holding me like gravity are places that pull
if ever there was someone to keep me at home
it would be you…

Everyone I come across, in cages they bought
they think of me and my wandering
but I’m never what they thought
I’ve got my indignation
but I’m pure in all my thoughts
I’m alive…

Wind in my hair, I feel part of everywhere
underneath my being is a road that disappeared
late at night I hear the trees
they’re singing with the dead, overhead…


Leave it to me as I find a way to be
consider me a satellite, forever orbiting
I knew all the rules, but the rules did not know me
guaranteed”.

—————————————————-

Traduzione.

“Inginocchiato non c’è modo di essere libero
sollevando una tazza vuota
chiedo silenziosamente
che tutte le mie destinazioni
accettino quello che io sono
così riesco a respirare…

Dei cerchi si espandono
e ingoiano le persone per intero
per metà delle loro vite dicono buonanotte
a mogli che non conosceranno mai
ho una mente piena di domande
ed un insegnante nella mia anima, va così…

Non venire più vicino o dovrò andarmene
i posti che tirano mi attirano come la gravità
se mai ci fosse qualcuno per cui restare a casa
quel qualcuno saresti tu…

Tutti quelli che incontro
in gabbie che hanno comprato
pensano a me e al mio vagare
ma io non sono mai quello che pensavano
ho la mia indignazione
ma sono puro in tutti i mei pensieri
io sono vivo…

Il vento è tra i miei capelli
mi sento parte di ogni posto
al di sotto del mio essere
c’è una strada che è scomparsa
a notte fonda sento gli alberi
stanno cantando con i morti, lassù…

Lascia che sia io a trovare un modo di essere
considerami un satellite sempre in orbita
conoscevo tutte le regole
ma le regole non mi conoscevano
garantito…”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd)

—————————————————-

Eddie Vedder, Guaranteed – 3:02
(Eddie Vedder)
Album: Music from the Motion Picture: Into the Wild (2007)

Brano inserito nella colonna sonora del film Into The Wild – Nelle terre selvagge (2007, tit. orig. Into the wild), diretto da Sean Penn, con Emile Hirsch e Kristen Stewart.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-