—————————————————-

—————————————————-

(Brano strumentale)

—————————————————-

Pink Floyd, More blues – 2:12
(Roger Waters, Rick Wright, David Gilmour, Nick Mason)
Album: Soundtrack from the Film More (1969)

Per altri testi e traduzioni dei brani di quest’album, guarda la pagina Pink Floyd – Soundtrack from the film More.


Brano inserito nella colonna sonora del film More – Di più, ancora di più (1969) diretto da Barbet Schroeder, con Klaus Grunberg e Mimsy Farmer.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Pink Floyd.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

“In More Blues Gilmour sfodera il suo passato ancora recente di chitarrista rockblues, prestato (ancora con qualche remora, ma l’adattamento procederà come noto alla grandissima!) alla musica notevolmente più sperimentale ed esoterica dei Pink Floyd: qualche semplice svisata in libertà, su una base ritmica che si ferma e riparte, ad assecondare le sensazioni di insoddisfazione, precarietà e dubbio descritte dalla corrispondente scena del film, in cui il protagonista è costretto a fare il barista e il piccolo spacciatore per il pusher dell’isola, a risarcimento del furto di eroina perpetrato dalla sua donna”.

(Pier Paolo Farina, su Storiadellamusica.it, Pink Floyd – Soundtrack from the film More)

—————————————————-

More Blues è la decima traccia della colonna sonora del film More – Di più, ancora di più, composta e suonata dal gruppo rock inglese Pink Floyd e pubblicata nel 1969. Si tratta di un breve brano strumentale blues di oltre due minuti accreditato a tutti i membri della band. La struttura del brano è molto semplice. Questo inizia con il basso di Waters che esegue un costante linea melodica su cui Gilmour costruisce un’improvvisazione blues. L’unico elemento che rompe quest’atmosfera surreale è la batteria di Mason che prorompe in alcuni punti del brano, dando l’impressione che tutto quello che si è ascoltato fosse solo un climax e che adesso inizi il pezzo vero e proprio; solamente che dopo due battute questa cessa, per poi riprendere successivamente con questa metodica. La band ha avuto diverse occasioni per eseguire questa canzone in numerosi concerti nel periodo 1970-1972 e nel 1977 a Montréal come bis (l’ultimo spettacolo del tour di Animals) insieme al chitarrista Snowy White, dopo che David Gilmour aveva lasciato il palco, deluso per la performance”.

(Wikipedia, voce More Blues)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-