“E guardo il mondo da un oblò, mi annoio un po’
passo le notti a camminare dentro a un metrò
sembro uscito da un romanzo giallo
ma cambierò, si cambierò

Gettano arance da un balcone, così non va
tiro due calci ad un pallone, e poi chissà
non sono ancora diventato matto
qualcosa farò, ma adesso no, Luna.

Luna non mostri solamente la tua parte migliore
stai benissimo da sola, sai cos’e’ l’amore
e credi solo nelle stelle
mangi troppe caramelle, Luna.

Luna ti ho visto dappertutto anche in fondo al mare
ma io lo so che dopo un po’ ti stanchi di girare
restiamo insieme questa notte
mi hai detto no per troppe volte, Luna.

E guardo il mondo da un oblò, mi annoio un po’
se sono triste mi travesto come Pierrot
poi salgo sopra i tetti e grido al vento
guarda che anch’io ho fatto a pugni con Dio.

Ho mille libri sotto al letto, non leggo più
ho mille sogni in un cassetto, non lo apro più
parlo da solo e mi confondo e penso
che in fondo sì, sto bene così, Luna.



Luna tu parli solamente a chi è innamorato
chissà quante canzoni ti hanno già dedicato
ma io non sono come gli altri
per te ho progetti più importanti, Luna.

Luna non essere arrabbiata, dai non fare la scema
il mondo è piccolo se è visto da un’altalena
sei troppo bella per sbagliare
solo tu mi puoi capire, Luna.

E guardo il mondo da un oblò, mi annoio un po’
a mezzanotte puoi trovarmi vicino a un juke-box
poi sopra i muri scrivo in latino
evviva le donne, evviva il buon vino.

Son pieno di contraddizioni, che male c’è
adoro le complicazioni, fanno per me
non metterò la testa a posto mai
e a maggio vedrai che mi sposerai, Luna.

Luna non dirmi che a quest’ora tu già devi scappare
in fondo e’ presto l’alba ancora si deve svegliare
bussiamo insieme ad ogni porta
se sembra sciocco cosa importa, Luna.

Luna che cosa vuoi che dica non so recitare
ti posso offrire solo un fiore poi portarti a ballare
vedrai saremo un po’ felici
e forse molto più che amici, Luna”.

—————————————————-

Gianni Togni, Luna – 4:09
Album: …e in quel momento, entrando in un teatro vuoto, un pomeriggio vestito di bianco, mi tolgo la giacca, accendo le luci e sul palco m’invento… (1980)

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate alle donne di InfinitiTesti

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-