Bruce Springsteen – Thunder Road (testo e traduzione)

————————————————

Testo.

“The screen door slams
Mary’s dress sways
like a vision she dances across the porch
as the radio plays
Roy Orbison singing for the lonely
hey that’s me and I want you only
don’t turn me home again

I just can’t face myself alone again
don’t run back inside
darling you know just what I’m here for
so you’re scared and you’re thinking
that maybe we ain’t that young anymore
show a little faith
there’s magic in the night
you ain’t a beauty
but hey you’re alright
oh and that’s alright with me

You can hide `neath your covers
and study your pain
make crosses from your lovers
throw roses in the rain
waste your summer praying in vain
for a savior to rise from these streets

Well now I’m no hero, that’s understood
all the redemption I can offer, girl
is beneath this dirty hood
with a chance to make it good somehow
hey what else can we do now
except roll down the window


And let the wind blow back your hair
well the night’s busting open
these two lanes will take us anywhere
we got one last chance to make it real
to trade in these wings on some wheels
climb in back
heaven’s waiting on down the tracks

Oh oh, come take my hand
riding out tonight to case the promised land
oh oh Thunder Road, oh Thunder Road
oh Thunder Road

Lying out there like a killer in the sun
hey I know it’s late we can make it if we run
oh Thunder Road, sit tight take hold
Thunder Road

Well I got this guitar
and I learned how to make it talk
and my car’s out back
if you’re ready to take that long walk
from your front porch to my front seat
the door’s open but the ride it ain’t free
and I know you’re lonely
for words that I ain’t spoken
but tonight we’ll be free
all the promises’ll be broken

There were ghosts in the eyes
of all the boys you sent away
they haunt this dusty beach road
in the skeleton frames of burned out Chevrolets

They scream your name at night in the street
your graduation gown lies in rags at their feet
and in the lonely cool before dawn
you hear their engines roaring on
but when you get to the porch they’re gone
on the wind, so Mary climb in
it’s a town full of losers
and I’m pulling out of here to win”.

————————————————

Traduzione.

“La porta a rete sbatte
il vestito di Mary svolazza
come una visione lei danza sotto la veranda
mentre la radio suona
Roy Orbison canta per quelli che si sentono soli
io sono tra quelli e tutto ciò che voglio sei tu
non rimandarmi a casa

Non posso proprio rivedermici da solo
non tornare dentro di corsa
tesoro, lo sai perchè sono qui
ed è per questo che sei spaventata e pensi
che forse non abbiamo più l’età per certe cose
dammi un po’ di fiducia, c’è magia in questa notte
non sei una bellezza, ma a me vai bene così
e per me va tutto bene così

Puoi nasconderti sotto le coperte
a rimuginare i tuoi dolori
mettere una croce sui tuoi vecchi amori
disperdere rose nella pioggia
sprecare la tua estate pregando inutilmente
che da queste strade si levi un redentore

Non sono un eroe, questo lo sanno tutti
e l’unica redenzione che ti posso offrire, ragazza
sta sotto questo sporco cofano
con una possibilità di renderlo
in qualche modo migliore
ehi, cos’altro ci rimane da fare
se non tirare giù il finestrino

E lasciare che il vento spinga
indietro i tuoi capelli
la notte è tutta per noi
questa strada a due corsie
ci porterà ovunque vogliamo
abbiamo un’ultima possibilità
per avverare i nostri sogni
per scambiare con delle buone ruote le nostre ali
salta su, il Paradiso ci aspetta lungo il percorso

Dai, prendi la mia mano
stanotte cercheremo di raggiungere la terra promessa
Thunder Road, Thunder Road, Thunder Road
là fuori in attesa come un killer sotto il sole
ehi, lo so che è tardi ma possiamo farcela se corriamo
Thunder Road, siediti bene e tieniti forte
Thunder Road

Ho preso questa chitarra
e ho imparato a farla parlare
la mia macchina è là dietro
se sei pronta ad iniziare questo lungo viaggio
dalla tua veranda al mio sedile anteriore
la portiera è aperta ma la corsa non è gratis
e so che ti senti malinconica
per le parole che non ti ho detto
ma stanotte saremo liberi
tutte le promesse saranno infrante

C’erano spettri negli occhi
di tutti i ragazzi che hai lasciato
adesso tormentano questa polverosa strada di costiera
nelle carcasse bruciate di vecchie Chevrolet

Gridano forte il tuo nome nella strada di notte
la tua toga universitaria è a pezzi ai loro piedi
e nella fredda solitudine che precede l’alba
senti i loro motori rombare
ma quando ti affacci sulla veranda
si sono già dileguati
nel vento, perciò Mary salta dentro
è una città piena di perdenti
e io me ne sto andando per vincere”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd)

————————————————

Bruce Springsteen, Thunder road – 4:49
(Bruce Springsteen)
Album: Born to run (1975)
Album: Live/1975–85 (1986, live, recorded October 18, 1975 at The Roxy Theatre, 5:46)
Album: In Concert/MTV Plugged (1993, live)
Album: Hammersmith Odeon London ’75 (2006, live, 5:51)
Album: Greatest hits (1995, raccolta)
Album: Greatest Hits (2009, raccolta)
Album: Collection: 1973–2012 (2013, raccolta)

Brano inserito nella colonna sonora del film Blinded by the Light – Travolto dalla musica (2019, Gran Bretagna, tit. orig. Blinded by the Light) diretto da Gurinder Chadha, con Viveik Kalra e Kulvinder Ghir.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate alle donne di InfinitiTesti, sotto il nome Mary.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Bruce Springsteen.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

————————————————

Riferimenti.

1. Springsteen cita Roy Orbison che “canta per quelli che si sentono soli” alla radio, con buona probabilità facendo riferimento alla famosa canzone di OrbisonOnly the Lonely” (1960).

————————————————

Citazioni.

Thunder Road è una canzone rock scritta da Bruce Springsteen e uscita nel 1975 come prima traccia dell’album Born to Run. Una prima versione della canzone, intitolata Wings for Wheels (frase usata all’interno della canzone), era stata eseguita al The Main Point di Bryn Mawr il 5 febbraio 1975. La versione originale inoltre chiamava la ragazza con il nome di “Christine”, “Christina” o “Angelina” invece di “Mary” (com’è nella versione definitiva). Nel 2004 si è classificata prima nella lista delle “885 migliori canzoni di tutti i tempi” della WXPN (la stazione radio dell’Università della Pennsylvania), mentre la rivista Rolling Stone l’ha classificata 86esima nella sua lista delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi.

Lady Gaga ha dichiarato di essere stata fortemente influenzata dalla musica e la chitarra di Bruce Springsteen durante la creazione dell’album Born This Way, insieme al sassofono di Clarence Clemons che ha partecipato ai singoli The Edge of Glory e Hair. Ha inoltre dichiarato che Thunder Road è la sua canzone preferita in assoluto perché la conosceva sin da molto piccola”.

(Wikipedia, voce Thunder Road (brano musicale))

————————————————

Thunder Road è una canzone del 1975 scritta e registrata da Bruce Springsteen, che divenne la traccia di apertura del suo album Born to Run. Una delle canzoni più popolari dell’artista, anche se mai pubblicata come singolo, “Thunder Road” è classificata come una delle più grandi canzoni di Springsteen e una delle migliori canzoni rock della storia. È il numero 111 nella lista delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi di Rolling Stone, e anche la 103ª canzone meglio classificata nelle liste di tutti i tempi dei critici secondo Acclaimed Music.

Thunder Road” è stata scritta da Springsteen mentre era al pianoforte del suo salotto a Long Branch, New Jersey. Nell’ottobre 1974, esisteva come una registrazione solista, “Chrissie’s Song“, che includeva il verso, “leave what you’ve lost, leave what’s grown cold, Thunder Road“. All’inizio del 1975, Springsteen aveva combinato i testi di un’altra composizione, “Walking in the Street“, formando una nuova canzone, “Wings for Wheels“, che debuttò il 5 febbraio 1975, in un evento di beneficenza per un club locale, The Main Point, trasmesso alla radio nell’area di Filadelfia, e con quattro canzoni di Born to Run ancora da pubblicare. Ancora insoddisfatto, finì di smantellare “Walking in the Street“, importando la sua coda principale in “Wings for Wheels” come finale strumentale, ora chiamandolo “Thunder Road“. Springsteen dichiarò in un concerto del 1978 che il nome della sua canzone era stato ispirato dalla visione di un poster del film del 1958 di Robert MitchumThunder Road“, anche se non lo vide mai.

Il 13 aprile 1975, il critico musicale e produttore discografico Jon Landau si unì ufficialmente al team di produzione dell’album, segnando l’inizio di una relazione professionale che durerà tutta la vita. Su suggerimento di Landau, la produzione fu spostata dai 914 Sound Studios agli studi Record Plant di Manhattan. Quando le sessioni iniziarono il 18 aprile, Jimmy Iovine, fresco di registrazione di “Walls and Bridges” di John Lennon, sostituì Louis Lahav (che tornò in Israele a marzo) come ingegnere. Bruce in seguito descrive come un “brillante impostore” e uno “young dog da studio con la curva di apprendimento più veloce che abbia mai visto”. Dopo tre intensi giorni (18, 19 e 23 aprile) di lavoro su “Thunder Road“, nulla di più è stato notato nei registri di studio fino al 15-16 luglio, quando sono state fatte le sovraincisioni finali e il missaggio.

Nella sua autobiografia, Bruce Springsteen dice di aver vagamente immaginato Born to Run come una serie di vignette, seguendo il suo personaggio per tutto il giorno, con “Thunder Road” che fungeva da “invito” all’album e si apriva con un’armonica che suggeriva l’inizio di un “nuovo giorno”. Springsteen descrive anche Landau come un “astuto arrangiatore ed editor” che “si guardò dall’overplaying e guidò il nostro disco verso un suono più snello”. Parlando con l’autore Brian Hiatt di “Thunder Road” nel 2005, Landau afferma che “era fantastico, ma era un po’ ingombrante, un po’ sfocato, un po’ più simile a un pezzo di jam. … Ricordo di aver parlato con Bruce di alcune idee su come rimescolare un po’ il mazzo e mantenere la costruzione della canzone dall’inizio fino alla fine”.

Il testo di “Thunder Road” descrive una giovane donna di nome Mary, il suo fidanzato, e la loro “ultima possibilità di renderlo reale”. Musicalmente, la canzone si apre con una tranquilla introduzione al pianoforte (Roy Bittan) e all’armonica (Springsteen), intesa, come Springsteen disse anni dopo nel documentario Wings for Wheels, come un significante che qualcosa stava per accadere. La frase del titolo non viene utilizzata fino alla sezione centrale della canzone. Dopo il verso di chiusura, c’è un duetto di sassofono tenore e Fender Rhodes suonato da Clarence Clemons e Bittan nella coda strumentale.

In questa canzone, Springsteen menziona Roy Orbison che “canta per quelli che si sentono soli” alla radio. Orbison, una delle cui canzoni più conosciute è “Only the Lonely” (1960), ha avuto un’enorme influenza su Springsteen.

Il 17 luglio 2021, dopo 46 anni, Jon Landau, manager di lunga data di Springsteen e co-produttore di Born to Run, ha dichiarato che la frase “Mary’s dress waves” è stata corretta in “Mary’s dress sways” su brucespringsteen.net. È stato definito un “errore di battitura”.

Durante la stesura da parte di Springsteen del testo di “Thunder Road“, invece di “scheletri di Chevrolet bruciate“, aveva scritto, “scheletri trovati da tombe poco profonde riesumate“. Max Weinberg convinse Springsteen ad allontanarsi dai testi più oscuri e rimanere coerente con lo spirito operaio dell’album.

Nel 2004, è stata classificata al primo posto nella lista delle “885 All-Time Greatest Songs” compilata da WXPN (la stazione radio pubblica dell’Università della Pennsylvania). La canzone arrivò al numero 226 nella lista delle “1001 migliori canzoni di sempre” della rivista Q nel 2003, in cui descrivevano la canzone come “la migliore per supplicare sotto il portico”. Julia Roberts, quando le è stato chiesto quale testo della canzone la descrivesse più accuratamente, ha scelto “You ain’t a beauty, but hey, you’re alright” di “Thunder Road“. La canzone è presente nel libro 31 Songs dell’autore britannico Nick Hornby.

È classificata al numero 111 nella lista delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi di Rolling Stone. È anche classificata al numero 3 nella lista delle sue migliori canzoni della rivista. Secondo Acclaimed Music, è la 103ª canzone più celebrata nella storia della musica popolare. Ha raggiunto il numero 5 come la sua posizione più alta nell’airplay radiofonico in Francia”.

(Wikipedia, voce Thunder Road (song))

————————————————

InfinitiTesti.com

Contatti
Artisti italiani
Artisti stranieri
Traduzioni
Discografie scelte
Rassegne e speciali

————————————————

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

————————————————

————————————————

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

————————————————

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *