—————————————————-

“I’ve got a little black book with my poems in
I’ve got a bag with a toothbrush and a comb in
when I’m a good dog
they sometimes throw me a bone in
I got elastic bands keeping my shoes on
got those swollen hand blues
got thirteen channels of shit
on the T.V. to chose from

I’ve got electric light
and I’ve got second sight
I’ve got amazing powers of observation
and that is how I know
when I try to get through
on the telephone to you
there’ll be nobody home

I’ve got the obligatory Hendrix perm
and the inevitable pinhole burns
all down the front of my favourite satin shirt
I’ve got nicotine stains on my fingers
I’ve got a silver spoon on a chain
I’ve got a grand piano
to prop up my mortal remains
I’ve got wild staring eyes
I’ve got a strong urge to fly
but I’ve got nowhere to fly to
oh Babe when I pick up the phone
there’s still nobody home

I’ve got a pair of Gohills boots
and I’ve got fading roots”.

—————————————————-



Traduzione.

“Ho un piccolo libro nero con le mie poesie
ho una sacca con uno spazzolino e il pettine
quando faccio il bravo cane
qualche volta mi gettano un osso
ho elastici che tengono su le scarpe
ho una di quelle depressioni da mano gonfia
ho tredici canali di merda alla TV tra cui scegliere

Ho la luce elettrica
e ho una seconda vista
ho stupefacenti capacità di osservazione
ed è per questo che so
che quando proverò a chiamarti al telefono
non ci sarà nessuno in casa

Ho la permanente obbligatoria alla Hendrix
e le inevitabili bruciature
sul davanti della mia camicia di raso preferita
ho macchie di nicotina sulle dita
ho un cucchiaino d’argento appeso ad una catenina
ho un pianoforte a coda
su cui esporre i miei resti mortali
ho selvaggi occhi magnetici
ho un gran bisogno di volare
ma non ho nessun posto in cui volare
oh, piccola, quando alzo il telefono
non c’è ancora nessuno in casa

Ho un paio di stivali Gohills
ed ho radici che scompaiono”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd)

—————————————————-

Pink Floyd, Nobody home – 3:25
(Roger Waters) – Voce di Roger Waters
Album: The Wall (1979)

Brano inserito nella colonna sonora del film Pink Floyd The Wall (1982) diretto da Alan Parker, con Bob Geldof e Bob Hoskins.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Pink Floyd.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-