—————————————————-

“In a bar in Toledo
across from the depot
on a bar stool she took off her ring
I thought I’d get closer
so I walked on over
I sat down and asked her name
when the drinks finally hit her
she said I’m no quitter
but I finally quit livin’ on dreams
I’m hungry for laughter
and here ever after
I’m after whatever the other life brings

In the mirror I saw him
and I closely watched him
I thought how he looked out of place
he came to the woman
who sat there beside me
he had a strange look on his face
the big hands were calloused
he looked like a mountain
for a minute I thought I was dead
but he started shakin’
his big heart was breakin’
he turned to the woman and said

You picked a fine time to leave me Lucille
with four hungry children
and a crop in the field
I’ve had some bad times
lived through some sad times
but this time your hurtin’ won’t heal
you picked a fine time to leave me Lucille

After he left us
I ordered more whisky
I thought how she’d made him look small
from the lights of the bar room
to a rented hotel room
we walked without talkin’ at all
she was a beauty
but when she came to me
she must have thought I’d lost my mind
I could’nt hold her
‘cos the words that he told her
kept coming back time after time

You picked a fine time to leave me Lucille
with four hungry children
and a crop in the field
I’ve had some bad times
lived through some sad times
but this time your hurtin’ won’t heal
you picked a fine time to leave me Lucille”.


—————————————————-

Traduzione.

“In un bar di Toledo
di fronte alla stazione
seduta su uno sgabello
si tolse la fede

Pensai di avvicinarmi
così la raggiunsi
mi sedetti
e le chiesi il suo nome

Quando l’alcool cominciò a fare effetto
disse: “Non sono una che molla
ma devo smetterla di sognare
mi mancano le risate
e d’ora in poi
voglio tutto quello
che la vita può offrire”

Lo vidi nello specchio
e lo osservai attentamente
sembrava un pesce fuor d’acqua
si avvicinò alla donna
che mi sedeva di fianco
con uno strano sguardo negli occhi

Era una montagna d’uomo
con le mani callose
e per un attimo pensai di essere morto
ma lui cominciò a tremare
e con il cuore spezzato
si girò verso la donna e disse:

“Hai scelto un bel momento per lasciarmi, Lucille
con quattro figli da sfamare e un raccolto da fare
ho avuti momenti duri
attraversato periodi difficili
ma questa ferita non guarirà
hai scelto un bel momento per lasciarmi, Lucille”

Dopo che se ne fu andato
ordinai altro whiskey
e pensai a come l’aveva fatto sembrare meschino
dalle luci del bar
alla stanza di un hotel
camminammo senza nemmeno parlare

Lei era bellissima
ma quando mi si avvicinò
dovette pensare che fossi impazzito
non riuscivo ad abbracciarla
perché continuavano a tornarmi in mente
le parole che lui le aveva detto:

“Hai scelto un bel momento per lasciarmi, Lucille
con quattro figli da sfamare e un raccolto da fare
ho avuti momenti duri
attraversato periodi difficili
ma questa ferita non guarirà
hai scelto un bel momento per lasciarmi, Lucille”.

(Traduzione a cura di Peppo Anselmi)

—————————————————-

Kenny Rogers, Lucille – 3:42
(Roger Bowling, Hal Bynum)
Album: Kenny Rogers (1977)
Singolo: “Lucille / Till I get it right” (1977)

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate alle donne di InfinitiTesti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Cover.

1. Nel 1977, Tex Lecor fece una cover di questa canzone in francese con lo stesso titolo.
2. Una cover venne incisa nel 2014 dall’artista canadese Cœur de pirate per la colonna sonora della quinta stagione di Trauma, uno show della TV Canadese.
3. Una cover venne incisa dall’artista americano di musica country Billy Currington nel suo album del 2005 “Doin’ Somethin’ Right“.
4. Una cover venne incisa dall’artista americano di musica country Waylon Jennings nel suo album del 1977 “Ol’ Waylon“.
5. Una versione in tedesco, intitolata “Musst du jetzt grade gehen, Lucille?” fu incisa da Michael Holm nel suo album del 1977 intitolato “Poet der Straße“.
6. Una versione in tedesco, intitolata “John Peel” fu incisa dal cantante norvegese Wencke Myhre nel suo album del 1978 intitolato “Album“.
7. Il cantante sudafricano Ray Dylan ne incisa una cover nel suo album “Goeie Ou Country – Op Aanvraag“.
8. La canzone fu incisa in spagnolo (con titolo “El hombre del norte“) da Juan Pardo.

—————————————————-

Citazioni.

Lucille è una canzone scritta da Roger Bowling e Hal Bynum, e incisa dall’artista americano di musica country Kenny Rogers. Fu rilasciata nel Gennaio 1977 come secondo e ultimo singolo dall’album “Kenny Rogers“. La canzone parla di un uomo in un bar che incontra una donna che ha appena lasciato il marito. Divenne il primo grande hit di Rogers come artista solista dopo aver lasciato il gruppo country/rock di successo “The First Edition” l’anno precedente. Fu un successo internazionale, raggiunse il numero 1 della classifica di Billboard dei singoli Country e il numero 5 nella Hot 100 di Billboard. Oltremare, “Lucille” raggiunse i vertici della classifica dei singoli in Inghilterra nel Giugno 1977, il primo di due singoli di Rogers a raggiungere la prima posizione in quella nazione.
La canzone, dal punto di vista del narratore (Rogers), racconta la storia di un uomo in un bar di Toledo, Ohio, che fa conoscenza con una donna sposata, e depressa, di nome Lucille. Ubriaca, Lucille ammette la sua infelicità e la voglia di avventura. Suo marito arriva e si avvicina a lei e al narratore intimidito. Il marito, col cuore spezzato, comincia a tremare e la disprezza per aver scelto il momento meno adatto per lasciarlo, “con quattro figli da sfamare e un raccolto da fare”, e dandogli un dolore che non può guarire. Dop che il marito se n’è andato, Lucille e il narratore si dirigono ad un hotel. La donna si avvicina al narratore, ma è esterrefatta dal suo strano e improvviso cambiamento di umore. Le parole del marito continuano a tornargli in mente e lui si sente incapace di cedere alle avances della donna”.

(Wikipedia, voce Lucille (Kenny Rogers song), traduzione a cura di Peppo Anselmi)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-