—————————————————-

“When I find myself in times of trouble
Mother Mary comes to me
speaking words of wisdom, let it be
and in my hour of darkness
she is standing right in front of me
speaking words of wisdom, let it be.

Let it be, let it be
whisper words of wisdom, let it be.

And when the broken hearted people
living in the world agree
there will be an answer, let it be
for though they may be parted there is
still a chance that they will see
there will be an answer, let it be.

Let it be, let it be, yeah
there will be an answer, let it be.

And when the night is cloudy
there is still a light that shines on me
shine on until tomorrow, let it be
I wake up to the sound of music
Mother Mary comes to me
speaking words of wisdom, let it be.

Let it be, let it be
There will be an answer, let it be
Let it be, let it be
Whisper words of wisdom, let it be”.

—————————————————-

Traduzione.

“Quando mi trovo in momenti difficili
Madre Mary viene da me
dicendomi con saggezza, lascia stare
e nella mia ora buia è
proprio di fronte a me
mi dice con saggezza, lascia stare

Lascia stare, lascia stare
lascia che sia, lascia stare
sussurra parole sagge, lascia stare.

E quando tutti i cuori infranti
di questa terra saranno d’accordo
arriverà la risposta, lascia che sia
perché anche se li separano ci sarà
per loro un’altra opportunità
arriverà la risposta, lascia stare

Lascia stare, lascia stare
lascia stare, lascia stare
arriverà la risposta, lascia che sia

E quando la notte è cupa c’è
ancora una luce che splende su di me
e splenderà fino a domani, lascia che sia
mi sveglio al suono della musica
Madre Mary viene da me
dicendo con saggezza, lascia stare

Lascia stare, lascia stare
lascia stare, lascia stare
arriverà la risposta, lascia stare
Lascia stare, lascia stare
lascia stare, lascia stare
sussurra parole sagge, lascia stare”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd e Marie Jolie)

—————————————————-

Beatles, Let it be – 4:03
(John Lennon, Paul McCartney)
Album: Let it be (1970)
Singolo: “Let it be / You know my name (Look up the number)” (1970)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Beatles.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Cover.

1. John DenverLet it be (1971, testo e traduzione)

—————————————————-

Citazioni.

“Ritenuto all’uscita un inno alla religione per via del titolo, dell’invocazione a ”Mother Mary” (identificata con la Vergine Maria), della struttura gospel e degli accordi dell’organo di Billy Preston, è nella realtà la rievocazione da parte di Paul – così come aveva fatto Lennon in Julia del White Album – della propria madre morta quando l’autore aveva quattordici anni. Paul stesso ricorda che, in quel periodo molto difficile sotto il profilo emotivo e professionale, una notte fece un sogno rasserenante in cui si incontrava con la madre Mary Mohin.
Le registrazioni del pezzo vennero effettuate il 25 e il 31 gennaio ‘69, e risultò essere il migliore il nastro 25, su cui si effettuarono alcune sovraincisioni. Il pezzo fu poi ripreso il 30 aprile negli studi di Abbey Road, e in quella seduta George vi sovraincise l’assolo di chitarra. Dopo otto mesi, il 4 gennaio 1970 Let It Be venne riregistrata e furono sovraincisi fiati e archi (mixati bassi e perciò non facilmente percepibili nella versione del singolo) mentre, per la variante dell’album, l’assolo di chitarra del 30 aprile (che rimarrà per il singolo) sarà sostituito dalla linea di George incisa a gennaio. Quella seduta fu l’ultima esperienza musicale dei Beatles come gruppo in uno studio di registrazione”.

(Wikipedia, voce Let It Be (album The Beatles))

—————————————————-

Let It Be è una canzone dei Beatles del 1970, composta principalmente da Paul McCartney anche se viene come da consuetudine attribuita al duo compositivo Lennon/McCartney. È la sesta traccia dell’omonimo album del 1970. Paul McCartney ha rivelato che l’ispirazione per la canzone gli venne da un sogno, nel quale aveva parlato con la madre Mary, morta di cancro nel 1956 quando lui aveva solo 14 anni. Nel sogno, la madre consigliava a Paul, preoccupato per le tensioni nel gruppo, di lasciare correre, to let it be, che tutto si sarebbe aggiustato.
John Lennon accolse la canzone con malcelato sarcasmo, poiché la considerava troppo “pseudo-religiosa”, come si evince dalla sua frase in falsetto che sul disco precede la canzone a mo’ di scherno. L’antipatia di Lennon per il brano è confermata proprio dalla collocazione della canzone sull’album, posta appena dopo l’irridente frase di Lennon: And now we’d like to do “Hark The Angels Come!” (“Ed ora vorremmo eseguire “Udite! Gli angeli cantano”!), e subito prima dell’esecuzione di Maggie Mae, dedicata ad una prostituta di Liverpool.
Il singolo raggiunse la prima posizione in classifica negli Stati Uniti, in Australia, Italia, Norvegia e Svizzera e la seconda posizione in Inghilterra. Fu l’ultimo singolo dei Beatles pubblicato prima dello scioglimento della band. Sia l’album Let It Be che il singolo The Long and Winding Road uscirono quando il gruppo ormai ufficialmente non era più in attività. Nel 2004 il brano ha raggiunto il ventesimo posto nella classifica delle 500 canzoni migliori di tutti i tempi pubblicata dalla rivista Rolling Stone“.

(Wikipedia, voce Let It Be (singolo The Beatles))

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-