Gli short movies di IT: “InfinitiTesti” di Katalina Bakradze

————————————————

Una ragazza che gioca con il suo alter ego. Una splendida ballerina che prova i suoi passi di danza. Un giaguaro che attende di essere smacchiato. Un pianoforte dolce e martellante nello stesso tempo. Sono gli elementi del primo video dell’InfinitiTesti Worldwide Movie Project, diretto da una giovane regista georgiana, Katalina Bakradze, che si è già fatta conoscere per aver realizzato varie clip musicali di notevole livello artistico. Lo short movie scorre agevolmente, con un buon ritmo dettato dalla colonna sonora, nascondendo varie storie ed intrecci narrativi nelle diverse sequenze, sapientemente alternate con un montaggio veloce e definito. Degne di nota le protagoniste, la bruna Qeta Gvinepadze che interpreta se stessa ed il suo alter ego con naturale disinvoltura. Ma l’impatto più dolcemente devastante è dato dalla bellezza e dalla grazia della ballerina Natia Bunturi, magnifica interprete di un sentimento musicale che trascina il nostro piacere ben oltre i confini del razionale. Scelte forti, contrastanti, sicuramente non casuali.

Questa è l’interpretazione che Katalina Bakradze ha voluto regalare ad InfinitiTesti. Mentre il mondo della Rete, con una velocità sempre più sostenuta, consuma i propri eroi per un giorno, su IT abbiamo ancora la forza e la voglia di sederci, discutere, riflettere su quello che ci piace. Mentre in giro si inseguono le mode musicali del momento, ci si ingozza voracemente di cantanti e canzoni usciti il giorno prima (per poi dimenticarli il giorno seguente), su IT abbiamo ancora la forza di resistere all’obsolescenza programmata dei fenomeni musicali, agendo sulle leve della memoria e dell’approfondimento. Non ci interessa la celebrità sul web (sempre effimera, considerato che una volta raggiunta sarebbe sicuramente fonte di contestazione ad opera delle stesse minoranze che ci hanno acclamato). Non ci interessa ergerci a capo del dissenso, dell’anarchia, dell’anticonsumismo a difesa dell’arte per l’arte. Non abbiamo il culto della personalità o della vanità personale, visto che i nostri nomi non compaiono nemmeno per identificare i nostri lavori. Abbiamo solo la voglia di ritrovare una dimensione umana nel fenomeno artistico-musicale, non vogliamo scrivere e pubblicare per la gente, ma far uscire le nostre sensazioni dall’interno, far venire tutto fuori spontaneamente.

Arturo Bandini, 29 marzo 2013
direttore@infinititesti.com

————————————————

Credits.


Idea: Katalina Bakradze
Director: Katalina Bakradze
Cinematographer: Levan Maisuradze
Guest Director: Nick Dalakishvili
Girls: Qeta Gvinepadze
Ballerina: Natia Bunturi
Music: Benjamin Ann – “Heavy machinery and fine mechanics

————————————————

InfinitiTesti.com

Contatti
Artisti italiani
Artisti stranieri
Traduzioni
Discografie scelte
Rassegne e speciali

————————————————

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

————————————————

————————————————

Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Arturo Bandini (ad interim) (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

————————————————

Unisciti alla discussione

5 commenti

  1. Quando ho cominciato a scrivere le mie (brutte) traduzioni per IT, questo era solo un piccolo blog che voleva diventare “grande”… mai avrei immaginato che potesse raggiungere questi livelli, ma soprattutto che col tempo venissero fuori queste idee, che per me sono bellissime, grandiose, immense. Grazie al nostro Direttore che ci ha portato sin qui… e che non so dove ci potrà ancora portare 🙂 Grazie a tutti i “colleghi” che non conosco, ma che sento vicini per sensibilità musicale e voglia di fare… grazie perché mi avete dato un’altra dimensione per la musica che amo più di me stessa 🙂

  2. Caro Direttore, sai che lo short movie mi piace molto. Anzi direi moltissimo. La tua presentazione, soprattutto nella seconda parte, mi ha fatto però venire in mente la scena di un film che ti piace tantissimo, Caro Diario di Nanni Moretti. IT come Alicudi, tu come Lucio – Moni Ovadia. Gli italiani sono uno dei popoli più condizionati e volgari del mondo. Questo paese ha così sfrenatamente voglia di ridere! Che cosa c’è da ridere? Chiediamoci se siam diventati troppo narcisisti anche noi.

  3. Di solito non commento mai nulla, neanche qui su IT, perché più altro non so mai cosa scrivere 🙂 … però stavolta non posso che fare i COMPLIMENTI per questa scelta, davvero bella. Brava Katalina, bella la musica, tutto perfetto per IT… adesso attendo la seconda puntata! 🙂

  4. Ho già commentato il video su Youtube, ne ero rimasto entusiasta sin dalla prima volta, adesso se possibile lo sono ancora di più, perché apprezzo ancora di più alcuni passaggi della musica. …. è una musica che rimane in testa, anche per giorni e giorni, una gran bella melodia….. ancora complimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *