Franco Battiato – Radio Varsavia (testo)

—————————————————-

“E i volontari laici
scendevano in pigiama per le scale
per aiutare i prigionieri
facevano le bende con lenzuola.

E i cittadini attoniti
fingevano di non capire niente
per aiutare i disertori
e chi scappava in occidente.

Radio Varsavia
l’ultimo appello è da dimenticare.

E i commercianti punici
prendevano sentieri di montagna
per evitare i doganieri
ed arrivare in Abissinia.

La Cina era lontana
l’orgoglio di fantastiche operaie
che lavoravano la seta
le biciclette di Shanghai.


Radio Varsavia
l’ultimo appello è da dimenticare”.

—————————————————-

Franco Battiato, Radio Varsavia – 4:17
(Franco Battiato)
Album: L’Arca di Noè (1982)

Per altri testi, approfondimenti e commenti, guarda la discografia completa di Franco Battiato.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

—————————————————-

Citazioni.

“La prima canzone del LP, Radio Varsavia, fece molto discutere i critici e Gianfranco Manfredi del quotidiano La Stampa accusò Battiato di avere inserito nel disco “la cultura della nuova destra”, polemica a cui Battiato rispose (l’analogo argomento della repressione in Polonia sarà trattato anche da Pierangelo Bertoli, noto cantautore schierato a sinistra, in Varsavia, senza che riceva accuse simili): «Non capisco cosa ci trovano nelle mie canzoni che si possa avvicinare alla loro ideologia che è esattamente all’opposto di ciò che dico io. All’opposto»”.

(Wikipedia, voce L’arca di Noè (Franco Battiato))

—————————————————-

“Una città e un destino. Si nomina Varsavia e non sono quasi mai immagini ed eventi lieti che vengono alla mente: il ghetto di Varsavia, la distruzione di Varsavia, l’ordine regna a Varsavia, il patto di Varsavia. Nel videoclip della canzone ci sono immagini della II guerra mondiale nella capitale polacca; ma l’album di Battiato uscì pochi mesi dopo l'”autoinvasione” del generale Jaruzelski che pose momentaneamente fine all’esperienza di Solidarność. Un evento che, probabilmente, però, salvò la Polonia da guai peggiori. Ad ogni modo, una delle canzoni di Battiato più esplicite o, quantomento, legate all’attualità. Certo è che, se “l’ultimo appello” si doveva dimenticare, qualcuno si ricorderà ancora dell’indimenticabile e bellissima Rada Rassimov con le cuffie di “Radio Varsavia” nel videoclip della canzone”.

(dal sito Canzoni contro la Guerra)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

—————————————————-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

UA-10243258-10