“Mi hija, quédate conmigo un rato
¿Por qué andas arrastrando esa desdicha?
Espérame un momento y te desato
pero, ¡qué enredo te has puesto, muchachita!

¡Qué amargos son los hechos que adivinas!
¡Qué oscura es la ronda de tu recuerdo!
Y en cuanto a tu corona de espinas
te queda bien, pero la pagarás muy caro…

Con tu mirada de fiera ofendida
con tu vendaja donde herida no hay
con tus gemidos de madre sufrida
espantarás a tu última esperanza.

Haz de tu puño algo cariñoso
y haz de tu adios un ¡Ay mi amor!
Y de tu ceño una sonrisita
y de tu fuga un ¡Ya voy! ¡Ya voy llegando!

Mi hija, ¡qué pena me da de verte!
Dejando olvidado a tu cuerpo
muy lista, pobre boba, a dedicarte
a la eterna disección de un pecadillo.

Mujer desnúdate y estate quieta
a ti te busca la saeta
y es el hombre, al fin, como sangría
que a veces da salud y a veces mata
y es el hombre, al fin, como sangría
que a veces da salud y a veces mata


Con tu mirada de fiera ofendida
con tu vendaja donde herida no hay
con tus gemidos de madre sufrida
espantarás a tu última esperanza.

Haz de tu puño algo cariñoso
y haz de tu adios un ¡Ay mi amor!
Y de tu ceño una sonrisita
y de tu fuga un ¡Ya voy! ¡Ya voy llegando!

Mi hija, ¡qué pena me da de verte!
Dejando olvidado a tu cuerpo
muy lista, pobre boba, a dedicarte
a la eterna disección de un pecadillo.

Mujer desnúdate y estate quieta
a ti te busca la saeta
y es el hombre, al fin, como sangria
que a veces da salud y a veces mata
y es el hombre, al fin, como sangria
que a veces da salud y a veces”.

—————————————————-

Traduzione.

“Ragazza mia, resta un po’ con me
perché ti trascini dietro questa digrazia?
Aspettami un momento e ti sciolgo
ma che groviglio ti sei messa, ragazzina?

Così amari sono gli avvenimenti che presagisci?
così oscura è la ronda dei tuoi ricordi?
E in quanto alla tua corona di spine
ti sta bene ma la pagherai ben cara

Col tuo sguardo da fiera offesa
la tua benda su una ferita inesistente
i tuoi gemiti di madre sofferente
spaventerai la tua ultima speranza

Fai del tuo pugno qualcosa di affettuoso
fai del tuo addio un “amore mio”
della tua smorfia un sorrisetto
e della tua fuga un “eccomi, arrivo!”

Ragazza mia, che pena mi dà vederti
dimenticare il tuo corpo
così pronta, povera idiota, a dedicarti
all’eterna dissezione di un peccatuccio

Donna, spogliati e stai calma
una freccia ti sta cercando
ed è l’uomo alla fine come un salasso
che a volte dà la salute e a volte uccide
è l’uomo alla fine come un salasso
che a volte dà la salute e a volte…

Col tuo sguardo da fiera offesa
la tua benda su una ferita inesistente
i tuoi gemiti di madre sofferente
spaventerai la tua ultima speranza

Fai del tuo pugno qualcosa di affettuoso
fai del tuo addio un “amore mio”
della tua smorfia un sorrisetto
e della tua fuga un “eccomi, arrivo!”

Ragazza mia, che pena mi dà vederti
dimenticare il tuo corpo
così pronta, povera idiota, a dedicarti
all’eterna dissezione di un peccatuccio

Donna, spogliati e stai calma
una freccia ti sta cercando
ed è l’uomo alla fine come un salasso
che a volte dà la salute e a volte uccide
è l’uomo alla fine come un salasso
che a volte dà la salute e a volte…”.

(Traduzione a cura di Flavio Poltronieri)

—————————————————-

Lhasa de Sela, La Celestina – 4:47
(Lhasa de Sela, Yves Desrosiers)
Album: La llorona (1997)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Lhasa de Sela.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Riferimenti.

“…ama, detesta, tratta bene, maltratta e la donna alla fine è come un salasso che a volte dà la salute e a volte uccide” – dal sonetto “Rimas Humanas CXCI” del poeta scrittore spagnolo Lope de Vega (1562-1635).

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Flavio Poltronieri
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-