“Desde que no hay maldad
que no hay ni hambre
ni miedo, ni soledad
no hay nadie que me ame
en toda esa ciudad

Desde que no hay dolor
no hay nadie que sufra
por un amor
nadie más que yo
no, no quiero olvidar

Ay, ya no se canta
como se cantaba ayer
ahora dicen : “Ven, tomamos un café
besamos en Français”

No, ya no se canta
“Sin tu amor me moriré”
no se grita “ya
no aguanto este sufrir…
quiero vivir…”. Linda canción

Desde que no hay maldad
todo el mundo se ríe
de mi ansiedad
yo lo llamo “poesía”
le dicen “Vanidad”

Desde que no hay traición
mi vida se desnuda
ya sin pasión
y no sé para qué
sirve mi corazón


Ay, ya no se canta
como se cantaba ayer
ahora dicen : “Ven, tomamos un café
besamos en Français”

No, ya no se canta
“Sin tu amor me moriré”
no se grita “ya
no aguanto este sufrir…
quiero vivir…”. Linda canción

Ay, ya no se canta
como se cantaba ayer
ahora dicen : “Ven, tomamos un café
besamos en Français”

No, ya no se canta
“sin tu amor me moriré”
no se grita “ya
no aguanto este sufrir…
quiero vivir…”. Linda canción.

—————————————————-

Traduzione.

“Da quando non c’è più malvagità
non c’è più fame
né paura, né solitudine
non c’è più nessuno che mi ami
in tutta questa città

Da quando non c’è più dolore
nessuno più soffre
per un amore
nessuno tranne me
no, non voglio dimenticare

Ay, non si canta più
come si cantava ieri
ora si dice: vieni a prendere un caffè
baciamoci in francese

No, non si canta più
“senza di te amore morirò”
non si grida più
“non sopporto più questa sofferenza
voglio vivere”, che bella canzone

Da quando non c’è più malvagità
tutto il mondo ride
della mia angoscia
io la chiamo “poesia”
gli altri “vanità”

Da quando non c’è più tradimento
la mia vita si è spogliata
senza passione
e non so più
a che serve il mio cuore

Ay, non si canta più
come si cantava ieri
ora si dice: vieni a prendere un caffè
baciamoci in francese

No, non si canta più
“senza di te amore morirò”
non si grida più
“non sopporto più questa sofferenza
voglio vivere”, che bella canzone

Ay, non si canta più
come si cantava ieri
ora si dice: vieni a prendere un caffè
baciamoci in francese

Non si grida più
non sopporto più queste risa
voglio soffrire, che bella canzone”.

(Traduzione a cura di Flavio Poltronieri)

—————————————————-

Lhasa de Sela, Mi vanidad – 4:11
(Lhasa de Sela, Yves Desrosiers)
Album: La llorona (1997)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Lhasa de Sela.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Flavio Poltronieri
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-