—————————————————-

“Io nun capisco ‘e vvote che succere
e chello ca se vere nun se crere
è nato nu criaturo, è nato niro
e ‘a mamma ‘o chiamma gGiro
sissignore, ‘o chiamma gGiro.

Seh, vota e gira, seh
seh, gira e vota, seh
ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono
ca tu ‘o chiamme Peppe o gGiro
chillo ‘o fatto è niro niro
niro niro comm’a cche…

S”o contano ‘e cummare chist’affare
sti cose nun so’ rare
se ne vedono a migliare
‘e vvote basta sulo ‘na ‘uardata
e ‘a femmena è rimasta
sott”a botta ‘mpressiunata.

Seh, ‘na ‘uardata, seh
seh, ‘na ‘mprissione, seh
va truvanno mò chi è stato
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro
niro niro comm’a cche…

E dice ‘o parulano, embè parlammo
pecché si raggiunammo
chistu fatto ce ‘o spiegammo.
addò pastin’ ‘o grano, ‘o grano cresce
riesce o nun riesce
semp’è grano chello ch’esce.


Meh, dillo a mamma, meh
meh, dillo pure a me
conta ‘o fatto comm’è ghiuto
Ciccio, ‘Ntuono, Peppe, gGiro
chillo ‘o fatto è niro niro
niro niro comm’a che…

Seh ‘na ‘uardata seh
seh ‘na ‘mprissione seh
và truvanno mò chi è stato
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro
niro niro comm’a cche…

‘E signurine ‘e Caporichino
fanno ammore cu ‘e marrucchine
‘e marrucchine se vottano ‘e lanze
e ‘e signurine cu ‘e panze annanze.

American espresso
ramme ‘o dollaro ca vaco ‘e pressa
sinò vene ‘a pulisse
mette ‘e mmane addò vò isse.

Aieressera a piazza Dante
‘o stommaco mio era vacante
si nun era p”o contrabbando
ì’ mò già stevo ‘o campusanto.

E levate ‘a pistuldà
uè e levate ‘a pistuldà
e pisti pakin mama
e levate ‘a pistuldà.

‘E signurine napulitane
fanno ‘e figlie cu ‘e ‘mericane
nce verimme ogge o dimane
mmiezo Porta Capuana.

Sigarette papà
caramelle mammà
biscuit bambino
dduie dollare ‘e signurine.

A Cuncetta e a Nanninella
‘e piacevan’e caramelle
mò se presentano pe’ zitelle
e vann’a fernì ‘ncopp’e burdelle.

E Ciurcillo ‘o viecchio pazzo
s”è arrubbato ‘e matarazze
e ll’America pe’ dispietto
ce ha sceppato ‘e pile ‘a pietto.

Aieressera magnai pellecchie
‘e capille ‘ncopp”e recchie
e capille e capille
e ‘o recotto ‘e camumilla
‘o recotto,’o recotto
e ‘a fresella cu ‘a carna cotta
‘a fresella ‘a fresella
e zì moneco ten”a zella
tene ‘a zella ‘nnanze e arreto
uffa uffa e comme fete
e lle fete e cane muorto
uè pe ll’anema e chillemmuorto.

E levate ‘a pistuldà
uè e levate ‘a pistuldà
e pisti pakin mama
e levate ‘a pistuldà”.

—————————————————-

Traduzione.

“Io non capisco, a volte cosa succede
e quello che si vede
non si crede! Non si crede!
E’ nato un bambino nero, nero
e la mamma lo chiama Ciro
sissignore, lo chiama Ciro

Séh! gira e volta, séh
séh! volta e gira, séh
sia che tu lo chiami Francesco o Gaetano
sia che lo chiami Giuseppe o Ciro
quello, il fatto, è nero, nero
nero, nero, non so come!

Lo raccontano le comari questo fatto
“Queste cose non sono rare
se ne vedono a migliaia!
A volte basta solo una guardata
e la donna è rimasta
dal fatto, impressionata…”

Séh! una guardata, séh
séh! una impressione, séh
chi sa chi è stato
che ha fatto centro
quello il fatto, è nero, nero
nero, nero, non so come!

Ha detto il contadino: “Ebbene, parliamo
perché, se ragioniamo
questo fatto ce lo spieghiamo!
Dove semino il grano, il grano cresce
va bene o non va bene
sempre grano è quello che esce!”

Mé’, dillo a mamma, mé’
mé’, dillo pure a me
sia che tu lo chiami Francesco o Gaetano
sia che lo chiami Giuseppe o Ciro
quello, il fatto, è nero, nero
nero, nero, non so come!

Le signorine di Capodichino
fanno l’amore con i marocchini
i marocchini se ne approfittano
e le signorine con la pancia d’avanti

American espresso
dammi il dollaro che ho fretta
sennò viene la polizia
mette le mani dove vuole lui

Ieri sera a piazza Dante
il mio stomaco era vagante
se non era per il contrabbando
già stavo al camposanto

E levate ‘a pistuldà
uè e levate ‘a pistuldà
e pisti pakin mama
e levate ‘a pistuldà

Le signorine napoletane
fanno i figli con gli americani
noi ci vediamo oggi e domani
in mezzo a Porta Capuana

Sigarette papà
caramelle mammà
biscuit bambino
dduie dollare ‘e signurine.

A Concetta e Nanninella
piacevano le caramelle
mo si fanno passare per zitelle
e fanno a finire nei bordelli

E Circillo il vecchio pazzo (*)
si è rubato il materasso
e l’America per dispetto
gli ha scippato i peli dal petto

Ieri sera mangiai pellecchie
i capelli sopra le orecchie
i capelli i capelli
e il decotto di camomilla
il decotto, il decotto
e la fresella con la carne sopra
la fresella, la fresella (**)
e zio monaco con la testa rapata
ha la testa rapata avanti e indietro
e puzza di cane morto
uh per l’anima come puzza
uh per l’anima quello è morto

E levate ‘a pistuldà
uè e levate ‘a pistuldà,
e pisti pakin mama
e levate ‘a pistuldà”.

(Traduzione a cura di Willy Bruschi, pubblicata sul sito Canzoni contro la guerra)

—————————————————-

Note.

(*) Circillo: Churchill
(**) Fresella: piatto tipico napoletano

—————————————————-

Nuova Compagnia di Canto Popolare, Tammurriata nera – 4:53
(E. A. Mario, Edoardo Nicolardi)
Album: Li Sarracini adorano lu sole (1974)
Singolo: “Tammuriata nera / Li sarracini adorano lu sole” (1974, EMI)

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate agli eventi storici di InfinitiTesti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

Tammurriata nera è una canzone napoletana scritta nel 1944 da E. A. Mario (musica) ed Edoardo Nicolardi (testo). Racconta la storia di una donna che mette al mondo un bimbo di colore, concepito da un soldato durante l’occupazione americana. La donna tuttavia accetta il figlio, forte del proprio amore materno. L’intera vicenda è raccontata da una specie di “coro greco”, che ironizza sul fatto che per quanto la donna rigiri i punti di vista del fatto (Seh, vota e gira, seh seh, gira e vota, seh), o gli affibbi nomi italiani come Ciccio, Antonio, Peppe o Ciro (ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono, ca tu ‘o chiamme Peppe o Ggiro), il bambino che ha partorito è comunque nero (chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche).
La nascita della canzone prende ispirazione da un episodio accaduto a Nicolardi, che vide un certo trambusto nel reparto maternità presso l’ospedale di Napoli Loreto Mare, di cui era dirigente amministrativo. Una giovane aveva dato alla luce infatti un bambino di colore, e di fatto non era l’unica in quel periodo ad essere rimasta incinta dei soldati afro americani. Tale episodio rappresentava una vera e propria svolta epocale per la società napoletana ed italiana, e Nicolardi, già autore di canzoni napoletane di un certo successo, fra cui la famosa Voce ‘e notte, insieme all’amico e consuocero, il musicista E. A. Mario, autore fra l’altro della Leggenda del Piave, scrissero di getto Tammurriata nera.
Fra i primi a rendere celebre Tammurriata nera vi fu Renato Carosone, che contribuì a farla diventare famosa in tutta Italia, rendendola parte del proprio repertorio. A livello discografico, però, la versione più ricordata di Tammurriata nera è quella registrata nel 1974 dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, che rimase nella hit parade dei singoli più venduti in Italia per diverse settimane. Fra gli altri interpreti ad aver cantato una propria versione del brano si ricordano Angela Luce, Marina Pagano, Mario Trevi, Vera Nandi, Peppe Barra, Teresa De Sio e Gabriella Ferri.
Nella versione della Nuova Compagnia di Canto Popolare, una strofa della canzone recita: E levate ‘a pistuldà uè / e levate ‘a pistuldà, / e pisti pakin mama / e levate ‘a pistuldà, ed un’altra: “oh, drinking beer in a cabaret / was I having fun / until one night she caught me right / and now I’m on the run.” Si tratta della napoletanizzazione del ritornello e del primo verso della canzone Pistol Packin’ Mama di Al Dexter (che era al vertice delle classifiche USA il 30 ottobre 1943 e la cui versione più famosa è cantata da Bing Crosby assieme alle Andrews Sisters), probabilmente molto popolare tra i soldati americani, giunti a Napoli proprio in quel periodo. Il testo originale inglese era infatti: Lay that pistol down, / babe, Lay that pistol down / Pistol packin’ mama, / Lay that pistol down. La canzone viene eseguita da un’orchestrina nella scena della trattoria di Ladri di Biciclette (1948) di Vittorio De Sica“.

(Wikipedia, voce Tammurriata nera)

—————————————————-

“Nel 1945 Edoardo Nicolardi è dirigente amministrativo di un ospedale di Napoli. Nel reparto maternità succede un fatto “strano”: a una ragazza napoletana nasce un bambino dalla pelle nera. Qualcuno cerca delle scuse: forse c’è qualcosa che la scienza non sa spiegare? La realtà è invece chiara. L’anno prima erano entrati a Napoli i soldati americani e fra loro molti uomini di colore: da allora i casi di bambini nati con la pelle nera erano diventati frequenti. Edoardo Nicolardi (che ha già scritto i testi di canzoni napoletane di un certo successo, fra cui la celebre Voce ‘e notte del 1904) va a casa e scrive il testo di Tammurriata nera. Il suo consuocero E.A. Mario, celeberrimo musicista (autore fra l’altro della Leggenda del Piave, il più famoso canto storico della Prima guerra mondiale), la mette immediatamente in musica e nasce una canzone ironica e delicata, fra le più belle e trascinanti della storia della canzone napoletana. La canzone diventa forse la migliore testimonianza delle condizioni di vita nella Napoli dell’immediato dopoguerra, ed in tutte le città italiane dove la vita lentamente ricomincia.
Facente parte del repertorio del grande Renato Carosone, Tammuriata nera è stata poi ripresa e rilanciata negli anni Settanta dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, che ha diffuso questa canzone in tutta Italia e ne ha decretato il grande successo nazionale. Recentemente ne ha fornito una trascinante versione anche un altro sommo napoletano, ed anche un grande amico del nostro sito: Daniele Sepe. A voler sottolineare, secondo le sue stesse parole, la “materia prima” di questa canzone, Peppe Barra la canta usualmente assieme ad una sua impressionante canzone scritta assieme a Dario Jacobelli: Guerra“.

(dal sito Canzoni contro la guerra)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Marie Jolie
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-