—————————————————-

“I heard they seen you yesterday in Charles Town
I heard about that story going round round
all I got’s a book of love
with pages worn clean through
a circle of gold and one bleeding tattoo
Mary, Mary, where have you gone to
(Mary, Mary, where have you gone to)

This town’s a secret shared
and shattered in a sad song
just torn and tattered pieces
of a love gone wrong
hearts of stone and eyes gone deep blue
lonely houses filled two by two
Mary, Mary, where have you run to
(Mary, Mary, where have you run to)

Summer storm blew in soft and cool
on the slinky town streets where love ruled
now it’s just a misty sidewalk
with the rain drifting through
lipstick case and one lonely red shoe
Mary, Mary, where have you run to
(Mary, Mary, where have you run to)
Mary, Mary, where have you run to
(Mary, Mary, where have you run to)
Mary, Mary, where have you run to
(Mary, Mary, where have you run to)
I heard they seen you yesterday in Charles Town”.

—————————————————-

Traduzione.



“Ti hanno visto ieri a Charles Town
l’ho sentito dire andando in giro
tutto quello che ho trattenuto con me
sono i ricordi di quell’amore
ricordi che si erodono e si sbiadiscono
fu come un cerchio d’oro
un amore perfetto e compiuto
ed una piaga sanguinante
impressa nella mia pelle.

Mary Mary ma che fine hai fatto
Mary Mary ma dove mai sei finita.

Questa città nasconde
un segreto che ci appartiene
disperso in una dolorosa canzone
frantumati e lacerati frammenti
di un amore andato a male
cuori di pietra e occhi smarriti
in una profonda tristezza
solo la nostra è fatta
a due per due, colma

Mary Mary ma che fine hai fatto
Mary Mary ma dove mai sei finita

Temporale estivo, triste, leggero, fresco
sulle strette strade di questa città
dove l’amore ci agiva
ora non rimane che un marciapiede
spruzzato dalle piccole gocce
che si rincorrono invisibili
e la pioggia che lo batte lentamente
l’astuccio di un rossetto
ed una solitaria scarpa rossa

Mary Mary ma che fine hai fatto
Mary Mary ma dove mai sei finita
Mary Mary ma che fine hai fatto
Mary Mary ma dove mai sei finita
Mary Mary ma che fine hai fatto
Mary Mary ma dove mai sei finita
ti hanno visto ieri a Charles Town”.

(Traduzione di Federico-Augusto Mazza)

—————————————————-

Bruce Springsteen, Mary Mary – 2:48
(Bruce Springsteen)
EP: American Beauty (2014)

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate alle donne di InfinitiTesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Bruce Springsteen.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Note del traduttore.

Scrive Springsteen nell’introdurci al suo Extended Play (uscito in questi ultimi giorni) ‘American Beauty’ che “Mary Maryis a lovely mystery, a small piece of heartbreak poetry that sneaks up on you with its slippery grove, punctuated string section and spectral lyrics. It came closest to making the High Hopes cut. Un piccolo frammento di poesia con un forte accento di tristezza che ci prende con i suoi scivolosi rampicanti, la sua fraseggiatura musicale e la sua lirica che aleggia in ombra misteriosa, senza che noi se ne sia subito consapevoli.

Per questa sera restiamo su Mary Mary l’outtake che doveva presto arrivarci perché di fatto era già con noi anche se non lo conoscevamo ancora così com’è, come tutte le prime cose che escludiamo e non abbiamo pace finché non includiamo.

Per Lebanese Tribute To Bruce Springsteen, che è il sito web da cui ho tratto il testo, il riff chitarristico ricorda Leah di Devils and Dust, forse è così, ma a me ricorda qualcosa altro che devo rintracciare – perché c’è – in Working on a dream o, meno probabilmente, in Wrecking Ball, ma che stasera non ho tempo di pensare; forse vi sembrerò alla deriva, ma devo dirvelo, per prima cosa mi ha fatto venire in mente Let’s spend the night together solo che si riesca a fare il riff di Mary Mary più veloce e cadenzato ed il De Andrè di certi brani dalla musica orecchiabile e lieve attraverso la quale si arrampica dentro di noi la conoscenza di un dramma che forse non avremmo voluto scegliere di conoscere.

Mary che fine ha fatto? Ieri l’hanno vista ma poi… dov’è l’altra scarpa rossa e chi la portava?

(Federico-Augusto Mazza, Aprile 2014)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Federico-Augusto Mazza
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-