—————————————————-

“Don Ceccelluzze de llu Spìrde Ssànde
mènava ‘na vita de ‘nu sarde
e ttànda ca jèra bbèllu
se n’annammuràvene tutte quànde li bbiatièllu

Tànda ca èra bbèllu e ffine
se n’annammuro’ Donn’Armelìna
Donn’Armelìna na’ ttène paura
affrònda lu fàtte senz’armatùra

E lla nòtte ca jè llu scùre
se n’ì scennùta la segnùra
l’ha ffàtte a lla scusa de tutte quànde
lu sàpe Crìste e ccùre sànde

Dòppe la notte vène lu ggiùrne
dda’ succedìje lu fenemùnne
Donna Maria a pprima matìna
scì a lla casa de Luveggìna

“Luveggi’, Luveggi'”, “Ce ì ssuccèsse?”
“Se n’ì scennùta Jarmelìna!”
“Cu cce ha ffàtte chèra lu fàtte?”
“Cu llu prèvete cchjù bberefàtte!”

Ma po’ lu fàtte lu Cannamàzza respònne a rrìma
“E ‘sti fèmmene so’ ‘nna ràzza de puttanàzze
l’ àgghje pèrse mu’ la peniòne
tutte me chjàmene: curnetòne!”

Quànne lu còre te bbàtte fòrte
te jàpra a tte’ tutte li pòrte
e cce l’amòre i ffòrte e vvère
tu nàsce cumm’a ‘nna premavèra.

A llu paìse lu dìsce-dìsce
sembràva cumme ca tutte stàvene a ffrìsce
Lu Patretèrne ca li sendjie
meno’ ‘nu trònte e tutte dda’ fernìje!”.

—————————————————-

Traduzione.

“Don Cicciluzzo dello Spirito Santo
conduceva una vita da santo
e da tanto che era bello
di lui si innamoravano tutte quante le fedeli

Da tanto che era bello e fine
se ne innamorò Donna Armelina
Donna Armellina non ha paura
e affronta il fatto senza armatura

E nell’oscurità della notte
se n’è andata la signora
l’ha fatto di nascosto da tutte quante
lo sanno solo Cristo e quel sant’uomo

Dopo la notte viene il giorno
e succede il finimondo
Donna Maria di prima mattina
va a casa di Luigina

“Luigi’, Luigi’ “, “Che è successo?”
“Se n’è andata Armelina”
“Con chi ha fatto quello che ha fatto?”
“Con il prete più bello”

E poi al fatto Cannamàzza risponde in rima
“Queste donne sono una razza di puttanone
ho perso adesso l’onore
tutti mi chiamano cornutone!”

Quando il cuore ti batte forte
ti apre tutte le porte
se l’amore è forte e vero
rinasci come una primavera

Al paese nel pettegolezzo
sembrava come che tutti friggessero
e il Padreterno che li sentiva
lanciò un fulmine su tutte queste famiglie”.

(Traduzione a cura di Flavio Poltronieri)

—————————————————-

Tonino Zurlo, Don Ceccelluzze – 2:44
Album: Nuzzole e pparolu (2007)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Flavio Poltronieri
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-