Suzanne Vega – Calypso (testo e traduzione)

————————————————

“My name is Calypso
and I have lived alone
I live on an island
and I waken to the dawn
a long time ago
I watched him struggle with the sea
I knew that he was drowning
and I brought him into me
now today
come morning light
he sails away
after one last night
I let him go.

My name is Calypso
my garden overflows
thick and wild and hidden
is the sweetness there that grows
my hair it blows long
as I sing into the wind
my name is Calypso
and I have lived alone
I live on an island
I tell of nights
where I could taste
the salt on his skin

Salt of the waves
and of tears
and though he,pulled away
I kept him here for years
I let him go

My name is Calypso
I have let him go
in the dawn he sails away
to be gone forever more
and the waves will take him in again
but he’ll know their ways now
I will stand upon the shore
with a clean heart

And my song in the wind
the sand will sting my feet
and the sky will burn
it’s a lonely time ahead
I do not ask him to return
I let him go, I let him go”.


————————————————

Traduzione.

“Il mio nome è Calypso
e ho vissuto da sola
la mia casa è un’isola
e mi svegliai all’alba
molto tempo fa
e lo vidi combattere con il mare
sapevo che stava annegando
così lo portai dentro di me
e oggi, alla luce del mattino
lui naviga via
dopo un’ultima notte
l’ho lasciato andare

Il mio nome è Calypso
il mio giadino cresce incolto
fitta e selvaggia e nascosta
è la dolcezza che vi cresce
i miei capelli ondeggiano lunghi
mentre canto nel vento
il mio nome è Calypso
e ho vissuto da sola
la mia casa è un’isola
racconto delle notti
in cui potevo sentire
il sale sulla sua pelle

Sale delle onde
e delle lacrime
e anche se lui lo strappò via
l’ho tenuto qui per anni
e lo lascio andare

Il mio nome è Calypso
l’ho lasciato andare
all’alba naviga via
si allontana sempre più
e lo prenderanno ancora le onde
ma lui adesso le conosce
io rimarrò sulla riva
con il mio cuore innocente

E la mia canzone nel vento
la sabbia pungerà i miei piedi
e il cielo brucerà
davanti a me la solitudine
non gli ho chiesto di tornare
l’ho lasciato andare, l’ho lasciato andare”.

(Traduzione a cura di Francesca Crisci)

————————————————

Suzanne Vega, Calypso – 3:23
(Suzanne Vega, scritta nel 1978)
Album: Solitude standing (1987)

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate ai personaggi letterari o di fantasia di InfinitiTesti.

Brano inserito nella rassegna Canzoni ispirate da poesie o da opere letterarie di InfinitiTesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Suzanne Vega.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo quality@infinititesti.com.

————————————————

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

————————————————

————————————————

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini (direttore@infinititesti.com)
Responsabile Quality: Arturo Bandini (ad interim) (quality@infinititesti.com)
Segretaria di Redazione: Arianna Russo (segreteria@infinititesti.com)

————————————————

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *