—————————————————-

“Diz que deu, diz que dá
diz que Deus dará
não vou duvidar, ô nega
e se Deus não dá
como é que vai ficar, ô nega
diz que Deus diz que dá
e se Deus negar, ô nega
eu vou me indignar e chega
Deus dará, Deus dará

Deus é um cara gozador
adora brincadeira
pois pra me jogar no mundo
tinha o mundo inteiro
mas achou muito engraçado
me botar cabreiro
na barriga da miséria
eu nasci brasileiro
su sou do Rio de Janeiro

Jesus Cristo inda me paga
um dia inda me explica
como é que pôs no mundo
esta pobre titica
vou correr o mundo afora
dar uma canjica
que é pra ver se alguém se embala
ao ronco da cuíca
e aquele abraço pra quem fica

Deus me deu mão de veludo
pra fazer carícia
Deus me deu muitas saudades
e muita preguiça
Deus me deu pernas compridas
e muita malícia
pra correr atrás de bola
ee fugir da polícia
um dia ainda sou notícia

Deus me fez um cara fraco
desdentado e feio
pele e osso simplesmente
quase sem recheio
mas se alguém me desafia
e bota a mãe no meio
dou pernada a três por quatro
e nem me despenteio
que eu já tô de saco cheio”.


—————————————————-

Traduzione.

“Dice che ha dato, dice che dà
dice che Dio darà
non lo dubito, oh nega (1)
e se Dio non dà
come la mettiamo, eh nega?
Dice che Dio dice che dà
e se Dio si rifiuta, eh nega?
Io mi indigno, e basta (2)
Dio darà, Dio darà (3)

Dio è proprio un gran burlone
adora fare scherzi
perché per gettarmi a questo mondo
aveva il mondo intero
ma trovò molto divertente
sfornarmi pecoraio
nel bel mezzo della miseria
sono nato brasiliano
io sono di Rio de Janeiro

Gesù Cristo poi me la paga
un giorno deve spiegarmi
com’è che ha messo al mondo
questa povera caccolina
voglio andare per il mondo
dare una canjica (4)
per vedere se qualcuno si incanta
al ritmo della mia cuíca (5)
e tanti saluti a chi resta

Dio mi ha dato mani di velluto
per accarezzare
Dio mi ha dato molta nostalgia
e molta pigrizia
Dio mi ha dato gambe lunghe
e molta malizia
per rincorrere una palla
e fuggire dalla polizia
un giorno farò notizia

Dio mi ha fatto mingherlino
sdentato e brutto
pelle e ossa semplicemente
quasi senza ripieno
ma se qualcuno mi provoca
e mette di mezzo la madre
do cazzotti in quattro e quattr’otto
e non mi spettino neppure
perché ne ho già le palle piene”.

(Traduzione a cura di Giuliano Lotti)

—————————————————-

Note.

(1) Nega è un appellativo affettuoso derivato dalla contrazione di “negra”.

(2) Chega è un’esclamazione usata per interrompere un comportamento fastidioso o inappropriato (“smettila”, “basta”, ecc.).

(3) “A Deus dará” (letteralmente “a Dio darà”) significa lasciare qualcosa o ritrovarsi in stato di abbandono, in balia della sorte. Secondo il Dicionário de Expressões Populares Portuguesas, la frase avrebbe la seguente origine: «anticamente i mendicanti chiedevano l’elemosina con la frase “un moneta, per amor di Dio”; la risposta di chi non voleva dare qualcosa era “Deus darà”», ossia te la darà Dio. Da qui “Deus darà” passò a indicare la locuzione attuale.

(4) Interpretare qualche brano, in genere come ospite non previsto di uno show, per dare un saggio del proprio repertorio.

(5) Strumento musicale a frizione all’apparenza simile a un tamburo.

—————————————————-

Chico Buarque, Partido alto – 3:34
(Chico Buarque)
Album: Quando o carnaval chegar (1972) (AA.VV.)

Brano inserito nella colonna sonora del film Quando o Carnaval Chegar (1972) diretto da Cacá Diegues, con Chico Buarque e Nara Leão.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Riferimenti.

Partido alto” venne scritta per il film “Quando o Carnaval Chegar” di Carlos Diegues. Sempre benvoluto dal pubblico e immancabilmente osteggiato dalla censura, questa spiritosa canzone ebbe un grande successo, ma un’autorizzazione alla pubblicazione (come ogni sua canzone) altrettanto tribolata. Il libro “História de canções” di Wagner Homem, riporta la seguente annotazione del funzionario incaricato di analizzarne il testo:

Che sia divertente o una sventura per l’autore essere nato in Brasile, paese dove vive e convive con questo popolo generoso, che lo mantiene comprando i suoi dischi e pagando profumatamente per assistere ai suoi show, io dico che ci sta prendendo in giro. Io sono per il veto.

Per ottenere l’autorizzazione della censura, Chico dovette sostituire la parola ritenuta indecente “titica” (caccolina) con “coisica” (cosina insignificante), e sostituire “brasileiro” con “batuqueiro” (ballerino), perché usare “brasiliano” per indicare un disgraziato era ritenuto “un’offesa al popolo“. Il nome della canzone non ha niente di politico, è semplicemente un genere di samba.

(Giuliano Lotti, 3 luglio 2014)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Giuliano Lotti
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-