—————————————————-

“Per cercare le stelle
chiuse nella tua mano
quante volte nel buio
io l’ho stretta ma piano
trovai forse mille forse più
forse più forse più parole
cantai così tanto
che la notte gridò
che così non vale
non è più amore

Ed il sole di maggio
ricomincia a bruciare
non aspetto i tuoi passi
non le guardo le scale
e quando partivi senza più
senza più senza più tornare
adesso ritorni e ora che ora
che ora che mi parli
sai che mi perdi
Parigi Parigi
Parigi Parigi è lontana
ma oramai ci so arrivare
io la vedo e tra un momento
la potrò toccare

Parigi Parigi
Parigi Parigi è vicina
è una stella nella sera
dove fuggono i ricordi
di una notte scura
e vanno via

Fino a quando mi lasci
fino a dove mi aspetti
sono tanti i miei giochi
per passare le notti
ma dopo ogni notte
riapro e richiudo la porta
e fuori è già l’alba
non c’eri e non c’è nessun’altra
eri la sola
e cammina cammina
solo per i tuoi occhi
li vedevo vicini
ma era un gioco di specchi
ma forse era in sogno
forse fu forse fu
forse fu in sogno
o forse era vero
quello che quello che
quello che sognavo
ed io non c’ero

Parigi Parigi
Parigi Parigi è lontana
è una luce sopra il mare
è l’amico che hai lasciato
e che ti sa aspettare

Parigi Parigi Parigi
Parigi è un momento
è una stella nella sera
dove fuggono i ricordi
di una notte scura
e vanno via

Parigi Parigi Parigi
Parigi è lontana
è una stella nella sera
e il tuo viso che mi manca
non mi fa paura

Parigi Parigi Parigi
Parigi è vicina
e oramai ci so arrivare
io la vedo
e tra un momento la potrò toccare

(Robert Robert Robert Robert)
Duchamp, les amants, les boulevards
Montmartre, Sartre, Baudelaire, Jarry

E’ tempo di riaccendere le stelle consigliere
là sopra le lamiere della Tour Eiffel
Robert, expo, metrò, bistrot, gigolo
Rimbaud veleggerà sul tetto della città
nuvola artificiale di alluminio.

(Robert Robert Robert Robert)
e costruiremo riformatori
più grandi e luminosi
i delinquenti di oggi
saranno i dirigenti di domani
Duchamp, les amants, les boulevards

La prima volta che mi uccisi
là sopra le lamiere della Tour Eiffel
lo feci solamente
per far rabbia alla mia amante
ormai son solo al mondo
e se muoio anche io
non avrò più nessuno
(Robert Robert Robert Robert)”.

—————————————————-

Roberto Vecchioni, Parigi (o cara) – 7:00
(Roberto Vecchioni)
Album: Hollywood Hollywood (1982)

Brano inserito nella rassegna I luoghi del cuore di InfinitiTesti.

Per altri testi, approfondimenti e commenti, guarda la discografia completa di Roberto Vecchioni.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini e Arianna Russo
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-