—————————————————-

“Eu tava triste, tristinho
mais sem graça que a top-model magrela
na passarela
eu tava só, sozinho
mais solitário que um paulistano
que um canastrão na hora que cai o pano
tava mais bobo que banda de rock
que um palhaço do circo Vostok

Mas ontem eu recebi um telegrama
era você de Aracaju ou do Alabama
dizendo: Nego, sinta-se feliz
porque no mundo tem alguém que diz
que muito te ama
que tanto te ama
que muito, muito te ama
que tanto te ama

Por isso hoje eu acordei
com uma vontade danada
de mandar flores ao delegado
de bater na porta do vizinho
e desejar bom dia
de beijar o português
da padaria

Hoje eu acordei
com uma vontade danada
de mandar flores ao delegado
de bater na porta do vizinho
e desejar bom dia
de beijar o português
da padaria

Mama Oh Mama Oh Mama
quero ser seu
quero ser seu
quero ser seu
quero ser seu papa


Mama Oh Mama Oh Mama
quero ser seu
quero ser seu
quero ser seu
quero ser seu papa

Eu tava triste, tristinho
mais sem graça que a top-model magrela
na passarela
eu tava só, sozinho
mais solitário que um paulistano
que um vilão de filme mexicano
tava mais bobo que banda de rock
que um palhaço do circo Vostok

Mas ontem eu recebi um telegrama
era você de Aracaju ou do Alabama
dizendo: Nego sinta-se feliz
porque no mundo tem alguém que diz
que muito te ama
que tanto te ama
que muito te ama
que tanto, tanto te ama

Por isso hoje eu acordei
com uma vontade danada
de mandar flores ao delegado
de bater na porta do vizinho
e desejar bom dia
de beijar o português
da padaria

Hoje eu acordei
com uma vontade danada
de mandar flores ao delegado
de bater na porta do vizinho
e desejar bom dia
de beijar o português
da padaria

Me dê a mão, vamos sair
pra ver o sol

Mama Oh Mama Oh Mama
quero ser seu
quero ser seu
quero ser seu
quero ser seu papa

Hoje eu acordei
com uma vontade danada
de mandar flores ao delegado
de bater na porta do vizinho
e desejar bom dia
de beijar o português
da padaria”.

—————————————————-

Traduzione.

“Ero triste, proprio triste
più inutile di una top model macilenta
sulla passerella
ero solo, proprio solo
più solitario di un paulistano (1)
di un cesto coperto da un panno
più sbarellato di un gruppo rock
di un pagliaccio del circo Vostok

Ma ieri ho ricevuto un telegramma
eri tu da Aracaju o dall’Alabama (2)
diceva: nego, devi essere felice (3)
perché al mondo c’è qualcuno che dice
che molto ti ama
che tanto ti ama
che molto, molto ti ama
che tanto ti ama

Per questo oggi mi sono svegliato
con una voglia dannata
di mandare fiori al commissario
di bussare alla porta del vicino
e augurargli buongiorno
di baciare il portoghese
della panetteria

Oggi mi sono svegliato
con una voglia dannata
di mandare fiori al commissario
di bussare alla porta del vicino
e augurargli buongiorno
di baciare il portoghese
della panetteria

Mamma Oh mamma Oh mamma
voglio essere il tuo
voglio essere il tuo
voglio essere il tuo
voglio essere il tuo papà

Mamma Oh mamma Oh mamma
voglio essere il tuo
voglio essere il tuo
voglio essere il tuo
voglio essere il tuo papà

Ero triste, proprio triste
più inutile di una top model macilenta
sulla passerella
ero solo, proprio solo
più solitario di un paulistano
del cattivo di un film messicano
ero più sbarellato di un gruppo rock
di un pagliaccio del circo Vostok

Ma ieri ho ricevuto un telegramma
eri tu da Aracaju o dall’Alabama
diceva: nego, devi essere felice
perché al mondo c’è qualcuno che dice
che molto ti ama
che tanto ti ama
che molto ti ama
che tanto, tanto ti ama

Per questo oggi mi sono svegliato
con una voglia dannata
di mandare fiori al commissario
di bussare alla porta del vicino
e augurargli buongiorno
di baciare il portoghese
della panetteria

Oggi mi sono svegliato
con una voglia dannata
di mandare fiori al commissario
di bussare alla porta del vicino
e augurargli buongiorno
di baciare il portoghese
della panetteria

Dammi la mano, usciamo
a vedere il sole

Mamma Oh mamma Oh mamma
voglio essere il tuo
voglio essere il tuo
voglio essere il tuo
voglio essere il tuo papà

Oggi mi sono svegliato
con una voglia dannata
di mandare fiori al commissario
di bussare alla porta del vicino
e augurargli buongiorno
di baciare il portoghese
della panetteria”.

(Traduzione a cura di Giuliano Lotti)

—————————————————-

Note.

1) Paulistano: di San Paolo.
2) Aracaju: capitale dello stato brasiliano del Sergipe.
3) Nego: appellativo affettuoso.

—————————————————-

Zeca Baleiro, Telegrama – 4:28
Album: Pet Shop Mundo Cão (2002)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Giuliano Lotti
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-