—————————————————-

“Eu não sei
onde eu deixei
ou se alguém veio roubar
aquele sonho que sonhei
já não sei onde andará
prefiro nem dormir
me esquecer de sonhar

Eu quero
quero muito
quero agora
sem demora
o meu desejo
ninguém vai roubar

Não sou escravo de sonho
eu não caio nessa armadilha
ao meu caminho eu que faço
sou eu que traço essa trilha
a minha esperança eu invento
e sigo em movimento
não tem parada pra mim
e não tem lamento
é bom ficar ligada
a vida é tudo ou nada e não tem talvez
vai pedalando a sua lucidez
vai nessa levada
não vai ter uma outra vez

Ninguém vai me dizer
como devo me virar

Eu quero
quero muito
quero agora
sem demora
o meu desejo
ninguém vai roubar


Tô no meio da rua
tô querendo viver
tô querendo essa lua
tô querendo você

Tô no meio da rua
tô querendo viver
tô querendo essa lua
tô querendo você

Eu não sei
onde eu deixei
ou se alguém veio roubar
aquele sonho que sonhei
já não sei onde andará

Ninguém vai me dizer
como devo me virar

Eu quero
quero muito
quero agora
sem demora
o meu desejo
ninguém vai roubar

Tô no meio da rua
tô querendo viver
tô querendo essa lua
tô querendo você”.

—————————————————-

Traduzione.

“Io non so dove l’ho messo
o se qualcuno l’ha rubato
quel sogno che ho sognato
adesso non dove finirà
preferisco non dormire neppure
scordarmi di sognare

Io voglio, voglio molto
voglio adesso
senza aspettare
il mio desiderio
nessuno me lo ruba

Non sono schiavo dei sogni
non ci casco in questa trappola
il mio cammino sono io a deciderlo
sono io che traccio questo sentiero
la mia speranza io l’invento
l’accompagno sempre in movimento
non ci sono fermate per me
e non ci sono rimpianti
è meglio stare attenti
la vita è tutto o niente e non c’è un forse
forza pedala la tua lucidità
vai così, non c’è un’altra opportunità

Nessuno deve dirmi
cosa devo fare

Io voglio, voglio molto
voglio adesso
senza aspettare
il mio desiderio
nessuno me lo ruba

Sto in mezzo alla strada
sto volendo vivere
sto volendo quella Luna
sto volendo te

Sto in mezzo alla strada
sto volendo vivere
sto volendo quella Luna
sto volendo te

Io non so dove l’ho messo
o se qualcuno l’ha rubato
quel sogno che ho sognato
adesso non dove finirà

Nessuno deve dirmi
cosa devo fare

Io voglio, voglio molto
voglio adesso
senza aspettare
il mio desiderio
nessuno me lo ruba

Sto in mezzo alla strada
sto volendo vivere
sto volendo quella Luna
sto volendo te”.

(Traduzione a cura di Giuliano Lotti)

—————————————————-

Maria Gadú, Sonhos roubados – 3:40
Album: Sonhos roubados (2010)

Brano inserito nella colonna sonora del film Sonhos roubados (2010) diretto da Sandra Werneck, con Nanda Costa, Amanda Diniz e Kika Farias.

Brano inserito nella rassegna Colonne Sonore di InfinitiTesti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Riferimenti.

Sonhos roubados” è la canzone tema dell’omonimo, splendido film diretto nel 2010 da Sandra Werneck. Tratto dal libro “As meninas da esquina” (Le ragazze del vicolo) della giornalista Eliane Trinidade, descrive la vita nelle favelas brasiliane da un punto di vista femminile, tratteggiando con forza la vita quotidiana delle ragazze appartenenti al ceto più disagiato, per le quali la prostituzione rappresenta una scelta a portata di mano. Benché non sia esente da scelte narrative che scadono nell’antimaschilismo e da una presentazione a volte troppo patinata delle interpreti femminili, il film è certamente più realistico e obbiettivo di molti documentari strappalacrime sui meninos de rua o sull’inesistente sfruttamento sessuale di adolescenti ad opera di turisti orchi. Documentari che fanno leva sull’emotività del telespettatore straniero che non ha la possibilità di riconoscere le fandonie che gli vengono propinate. Il film “Sonhos roubados” è disponibile su YouTube esclusivamente in lingua portoghese, ma merita un tentativo di visione anche da parte di chi ha una conoscenza limitata della lingua, e non mancherà di commuovere i tanti appassionati del “paese tropicale / benedetto da Dio / e dalla natura bellissima”.

(Giuliano Lotti, 6 agosto 2014)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Giuliano Lotti
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-