—————————————————-

“Agora eu era o herói
e o meu cavalo só falava inglês
a noiva do cowboy
era você além das outras três
eu enfrentava os batalhões
os alemães e seus canhões
guardava o meu bodoque
e ensaiava o rock para as matinês

Agora eu era o rei
era o bedel e era também juiz
e pela minha lei
a gente era obrigado a ser feliz
e você era a princesa que eu fiz coroar
e era tão linda de se admirar
que andava nua pelo meu país

Não, não fuja não
finja que agora eu era o seu brinquedo
eu era o seu pião
o seu bicho preferido
vem, me dê a mão
a gente agora já não tinha medo
no tempo da maldade acho
que a gente nem tinha nascido

Agora era fatal
que o faz-de-conta terminasse assim
pra lá deste quintal
era uma noite que não tem mais fim
pois você sumiu no mundo sem me avisar
e agora eu era um louco a perguntar
o que é que a vida vai fazer de mim?”.

—————————————————-


Traduzione.

“Allora, io ero l’eroe
e il mio cavallo parlava solo inglese
la fidanzata del cowboy
eri tu oltre alle altre tre
io affrontavo i battaglioni
i tedeschi e i loro cannoni
avevo il mio arco
e suonavo il rock alle matinée

Allora, io ero il re
ero il bidello ed ero anche il giudice
e con la mia legge
la gente era obbligata a essere felice
e tu eri la principessa
che avevo fatto incoronare
ed eri così bella da ammirare
che andavi nuda per il mio paese

No, non scappare no
facciamo che adesso ero il tuo giocattolo
io ero il tuo scudiero
il tuo animale preferito
vieni, dammi la mano
adesso non avevamo paura
al tempo della malvagità
mi sa che non eravamo ancora nati

Allora, era fatale
che il “facciamo finta che” finisse qui
dalle parti di questo cortile
era una notte che non aveva mai fine
perché tu sparisti per il mondo senza avvisarmi
e allora ero uno sciocco a chiedere
cosa la vita farà di me?”.

(Traduzione a cura di Giuliano Lotti)

—————————————————-

Nara Leão (feat. Chico Buarque), João e Maria – 2:21
(Sivuca, Chico Buarque)
Album: Os meus amigos são um barato (1977)
Album: Um operário em construção (1981, raccolta) (Chico Buarque)
Album: Perfil (1993, raccolta) (Chico Buarque)

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate alle donne di InfinitiTesti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Riferimenti.

In un’intervista Chico Buarque spiegò che scrisse questa canzone nel 1976, quando ascoltò il nastro con la musica che gli aveva inviato il musicista Sivuca, il quale l’aveva composta nel 1947. In quell’anno era un bambino, pensò Chico, e così gli venne spontaneo comporre un testo in forma di dialogo tra bambini. Sempre secondo le dichiarazioni di Buarque, lui stesso non sapeva spiegare perché il cavallo parlasse solo l’inglese, e un giorno chiese al grande musicista Francis Hime quale poteva essere secondo lui il motivo. “Penso che fosse un cavallo molto educato”, fu il commento dell’amico.

(Giuliano Lotti, 1° settembre 2014)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Giuliano Lotti
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-