—————————————————-

“Por esse pão pra comer
por esse chão pra dormir
a certidão pra nascer
e a concessão pra sorrir
por me deixar respirar
por me deixar existir
Deus lhe pague

Pelo prazer de chorar
e pelo “estamos aí”
pela piada no bar
e o futebol pra aplaudir
um crime pra comentar
e um samba pra distrair
Deus lhe pague

Por essa praia, essa saia
pelas mulheres daqui
o amor malfeito depressa
fazer a barba e partir
pelo domingo que é lindo
novela, missa e gibi
Deus lhe pague

Pela cachaça de graça
que a gente tem que engolir
pela fumaça, desgraça
que a gente tem que tossir
pelos andaimes, pingentes
que a gente tem que cair
Deus lhe pague

Por mais um dia, agonia
pra suportar e assistir
pelo rangido dos dentes
pela cidade a zunir
e pelo grito demente
que nos ajuda a fugir
Deus lhe pague


Pela mulher carpideira
pra nos louvar e cuspir
e pelas moscas-bicheiras
a nos beijar e cobrir
e pela paz derradeira
que enfim vai nos redimir
Deus lhe pague”.

—————————————————-

Traduzione.

“Per questo pane da mangiare
per questo pavimento su cui dormire
il certificare che siamo nati
e l’autorizzazione a sorridere
per lasciarmi respirare
per lasciarmi esistere
che Dio ti benedica

Per il piacere di piangere
e per il “ci siamo”
per la barzelletta al bar
e il calcio per applaudire
un delitto da commentare
e un samba per distrarsi
che Dio ti benedica

Per la spiaggia, la femmina
per le donne di qua
l’amore fatto male di fretta
il farsi la barba e partire
per la domenica che è bella
la telenovela, la messa e i fumetti
che Dio ti benedica

Per la cachaça gratis
che dobbiamo ingoiare
per il fumo, disgrazia
che dobbiamo tossire
per i ponteggi, penzolanti
da cui dobbiamo cadere
che Dio ti benedica

Per un ulteriore giorno, agonia
per sopportare e assistere
per il digrignare dei denti
per il ronzare della città
e per il grido demente
che ci aiuta a fuggire
che Dio ti benedica

Per le prefiche che al funerale
ci lodano e ci sputano
e per le mosche infettanti
che ci baciano e ricoprono
e per la pace eterna
che alla fine ci redimerà
che Dio ti benedica”.

(Traduzione a cura di Giuliano Lotti)

—————————————————-

Chico Buarque, Deus lhe pague – 3:19
(Chico Buarque)
Album: Construção (1971)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Riferimenti.

Scritta nel 1971, “Deus lhe pague” è da valutare nel contesto sociale dell’epoca, caratterizzato dall’opprimente regime militare. Descrive quindi una vita piena di amarezze, ingiustizie sociali e prevaricazioni, per i quali si era pure costretti a ringraziare chi governava.

(Giuliano Lotti, 12 settembre 2014)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Giuliano Lotti
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-