“Elettra metteva la cipria consueta nella penombra negli occhi il riflesso di sensi abusati e bagliori di strada Inquieta per l’ultimo appuntamento qualche minuto e lo avrebbe rivisto