—————————————————-

“When you walk through the storm
hold your head up high
and don’t be afraid of the dark
at the end of the storm
there’s a golden sky
and the sweet silver song of the lark

Walk on, through the wind
walk on, through the rain
though your dreams be tossed and blown
walk on, walk on
with hope in your heart
and you’ll never walk alone
you’ll never walk alone

Walk on, walk on
with hope in your heart
and you’ll never walk alone
you’ll never walk alone”.

—————————————————-

Traduzione.


“Quando attraversi la tempesta
fallo a testa alta
e non avere paura del buio
Alla fine della tempesta
c’è un cielo dorato
e il dolce argentino canto di allodole

Vai avanti, controvento
vai avanti, contro la pioggia
anche se il vento spazzerà via i tuoi sogni
cammina, cammina
con la speranza nel cuore
e non sarai mai solo
tu non sarai mai solo

Cammina cammina
con la speranza nel cuore
e non sarai mai solo
tu non sarai mai solo”.

(Traduzione a cura di Arianna Russo)

—————————————————-

Gerry & The Pacemakers, You’ll never walk alone – 2:40
(Richard Rodgers, Oscar Hammerstein)
Album: How do you like it? (1963)
Singolo: “You’ll never walk alone / It’s alright” (1963)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

You’ll Never Walk Alone (titolo spesso abbreviato in YNWA) è una canzone di scena, scritta dalla coppia statunitense Rodgers/Hammerstein per il musical del 1945 Carousel. Originariamente concepita per marcare due momenti salienti dell’azione (quando la protagonista rimane vedova a causa del suicidio del marito e, nel finale, in segno di incoraggiamento verso la di loro figlia quando questa sta affrontando l’ultimo anno di scuola: in italiano You’ll never walk alone significa “Non camminerai mai da sola”), in seguito è divenuta uno standard per numerosi cantanti, tra cui Nina Simone, Frank Sinatra, Doris Day, Patti LaBelle, Elvis Presley e, in Europa, il gruppo di Liverpool Gerry and the Pacemakers, grazie al quale si deve la sua massiccia diffusione anche in ambito popolare, fino a divenire di fatto l’inno ufficiale della squadra di calcio inglese del Liverpool e della squadra di calcio scozzese del Celtic.
[…]
You’ll Never Walk Alone fu incisa da Gerry and the Pacemakers nel 1963. In quel periodo le tifoserie del Regno Unito avevano l’abitudine di intonare in coro, dagli spalti, i pezzi più in voga del momento e You’ll Never Walk Alone era uno di essi. Un operatore della BBC riprese nel 1964 i tifosi del Liverpool che dagli spalti del Kop, la celebre tribuna dello stadio di Anfield, cantavano in coro il brano. Un anno più tardi, nel corso della finale di Coppa d’Inghilterra contro il Leeds a Wembley, i tifosi del Liverpool giunti fino a Londra intonarono il brano, come a sottolineare ai loro giocatori che «non avrebbero mai camminato da soli» e il celebre commentatore televisivo Kenneth Wolstenholme (che nel 1966 fu il telecronista per la BBC della finale di Coppa del Mondo Inghilterra – Germania Ovest) elogiò l’uso di tale canzone come «biglietto da visita del Liverpool» (più propriamente, parlò in inglese di signature tune).
A parte l’essere di fatto divenuta l’inno ufficiale del Liverpool, tanto da vedere il suo titolo inscritto sulla testata dello Shankly Gate, uno degli accessi dello stadio di Anfield, nonché nello stemma ufficiale del club, You’ll Never Walk Alone è stata adottata da altre tifoserie del Regno Unito, in particolare quella della squadra scozzese del Celtic, compagine di Glasgow: al riguardo, una disputa sorta tra le due tifoserie circa la “primogenitura” dell’uso di tale brano come coro da stadio sembra avere la risoluzione più accreditata nella considerazione che, essendo il brano giunto per la prima volta in Europa nel 1963 come cover a opera dei citati Gerry & the Pacemakers (come già detto, di Liverpool), e cantato dagli spalti di Anfield già dal 1964, è assai improbabile che, prima di tale data, i tifosi scozzesi del Celtic, usi anch’essi intonare brani in voga, facessero ricorso a un brano proveniente da un musical americano non ancora famosissimo nel Regno Unito. È dunque ritenuto verosimile che siano stati i tifosi del Liverpool i primi del Regno Unito, e altrettanto verosimilmente i primi in assoluto, a usare You’ll Never Walk Alone come coro da stadio.
Ad avvalorare tale supposizione, la testimonianza dell’ex calciatore del Liverpool Tommy Smith che, nel suo libro Anfield Iron (2008), narra che nell’estate del 1963 Gerry Marsden, il leader dei Pacemakers, introdusse al pubblico il tecnico della squadra Bill Shankly al suono del brano, all’epoca in fase di pre-pubblicazione: “Shanks [Bill Shankly] era sorpreso di quel che aveva udito… I giornalisti sportivi locali erano al nostro seguito e, affamati di notizie fuori dall’ambito tecnico, riportarono l’accaduto alle loro redazioni, con l’effetto che tutti credettero che tale nuovo brano fosse l’inno ufficiale del Liverpool”.
[…]
La canzone fu in seguito adottata, oltre che dai tifosi del Celtic, anche da quelli dell’Hibernian (Edimburgo) e, fuori dal Regno Unito, dagli olandesi del Feyenoord (Rotterdam) e del Twente (Enschede), in Italia dai tifosi del Genoa ed in Germania dai tifosi del FC St. Pauli che hanno creato una nuova versione, diventata l’inno ufficiale”.

(Wikipedia, voce You’ll Never Walk Alone)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-