—————————————————-

“Oh where, oh where, can my baby be?
The Lord took her away from me
she’s gone to heaven
so I’ve got to be good
so I can see my baby
when I leave this world.

We were out on a date in my daddy’s car
we hadn’t driven very far
there in the road straight ahead
a car was stalled, the engine was dead
I couldn’t stop, so I swerved to the right
I’ll never forget the sound that night
the screaming tires, the busting glass
the painful scream that I heard last.

Oh where, oh where, can my baby be?
The Lord took her away from me
she’s gone to heaven
so I’ve got to be good
so I can see my baby
when I leave this world.

When I woke up, the rain was falling down
there were people standing all around
something warm flowing through my eyes
but somehow I found my baby that night
I lifted her head, she looked at me and said
“hold me darling just a little while”
I held her close I kissed her, our last kiss
I found the love that I knew I had missed
well now she’s gone even though I hold her tight
I lost my love, my life that night.

Oh where, oh where, can my baby be?
The Lord took her away from me
she’s gone to heaven
so I’ve got to be good
so I can see my baby
when I leave this world”.

—————————————————-

Traduzione.

“Oh dove sarà mai, dov’è la mia bambina
il Signore me l’ha portata via
se n’è andata in Paradiso
perciò devo essere buono
così potrò rivederla
quando lascerò questo mondo

Siamo usciti una sera con la macchina di mio padre
non ci siamo spinti troppo lontano
lì sulla strada proprio davanti a noi
c’era una macchina in panne col motore fuso
non sono riuscito a fermarmi, così ho sterzato a destra
non potrò mai dimenticare i rumori nella notte
le ruote che stridevano, i vetri in frantumi
e per ultimo quell’urlo di dolore

Oh dove sarà mai, dov’è la mia bambina
il Signore me l’ha portata via
se n’è andata in Paradiso
perciò devo essere buono
così potrò rivederla
quando lascerò questo mondo

Quando mi sono svegliato, stava piovendo
c’era molta gente intorno
qualcosa di caldo mi usciva dagli occhi
ma comunque l’ho trovata
le ho sollevato la testa, lei mi ha guardato e ha detto
“abbracciami amore,solo per un po’”
l’ho tenuta stretta e l’ho baciata, il nostro ultimo bacio
per un momento ho trovato l’amore che credevo di aver perso
ma lei se n’è andata anche se la stringevo forte
Quella notte ho perso il mio amore e la mia vita

Oh dove sarà mai,dov’è la mia bambina
il Signore me l’ha portata via
se n’è andata in Paradiso
perciò devo essere buono
così potrò rivederla
quando lascerò questo mondo”.

(Traduzione a cura di Francesca Crisci)

—————————————————-

Pearl Jam, Last kiss – 3:16
(Wayne Cochran, Joe Carpenter, Randall Hoyal, Bobby McGlon)
Singolo: “Last kiss / Soldier of love” (1999, live)
Album: No Boundaries: A Benefit for the Kosovar Refugees (1999) (AA.VV.)
Album: Lost dogs (2003, raccolta)
Album: Rearviewmirror: Greatest Hits 1991-2003 (2004, raccolta)
Album: Live at the Gorge 05/06 (2007, live)

Cover dell’omonimo brano di J. Frank Wilson and the Cavaliers (1964), che a sua volta era una cover dell’originale di Wayne Cochran & the C.C. Riders (1961).

Brano inserito nella rassegna Le canzoni più tristi di Infinititesti.

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Pearl Jam.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

Last Kiss è una canzone scritta nel 1961 da Wayne Cochran e suonata dal gruppo Wayne Cochran & the C.C. Riders, sebbene la loro versione della canzone non ebbe un grande successo. Si crede che Cochran basò la canzone su un incidente nel quale morirono molti giovani e altri due furono feriti gravemente dopo uno scontro della loro auto con un camion. La sedicenne Jeanette Clark era fuori per un’uscita a Barnesville, Georgia il 22 dicembre 1962, l’ultimo sabato prima di Natale. Era con il suo gruppo di amici su una Chevrolet del 1954. J. L. Hancock, anche lui sedicenne, era alla guida su una autostrada molto trafficata e si schiantò contro un camion; Jeanette e l’autista morirono assieme ad altri giovani, mentre due furono gravemente feriti. Per tale motivo si crede che Cochran dedicò la canzone a Jeanette Clark, ma questa non può essere la fonte d’ispirazione giacché la canzone è stata registrata nel 1961, ben prima dell’incidente. Nel 1964 J. Frank Wilson & the Cavaliers ebbero il primo successo commerciale con la canzone. La cover fu rilasciata a giugno e raggiunse la Top 10 in ottobre. Raggiunse, infine, la seconda posizione nella Top 40 della musica pop e donò alla band un disco d’oro.
La canzone fu registrata anche dai Pearl Jam, divenendo la maggiore hit della band vendendo circa 700.000 copie. L’idea di realizzare una cover venne ad Eddie Vedder che trovò un vinile della canzone in un negozio di antiquariato a Seattle. Convinse la band a suonarla durante lo Yield Tour; la band, infine, registrò la canzone e nel 1998 la incluse nel singolo di Natale. Nell’anno seguente la cover iniziò ad essere mandata in onda dalle stazioni radio e arrivò rapidamente nella rotazione musicale di tutto lo stato. Dalla richiesta popolare della cover, i Pearl Jam rilasciarono un singolo della canzone e i ricavi furono devoluti in beneficenza per i rifugiati della guerra del Kosovo. La canzone fu anche inclusa sulla compilation No Boundaries: A Benefit for the Kosovar Refugees.
La cover raggiunse la seconda posizione della Billboard Hot 100. Riguardo alla canzone, il chitarrista Stone Gossard dichiarò: «Puoi provare album dopo album a scrivere una hit e passare mesi cercando il sound della batteria o riscrivendo le parole, o puoi usare un negozio di CD, prendere un singolo e innamorarti di esso». I Pearl Jam inclusero Last Kiss sull’album di b-sides Lost Dogs e anche nella compilation Rearviewmirror: Greatest Hits 1991-2003. Una performance live della canzone può essere trovata sul box set Live at the Gorge 05/06.

(Wikipedia, voce Last Kiss)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-