—————————————————-

“I know I stand in line
until you think you have the time
to spend an evening with me
and if we go someplace to dance
I know that there’s a chance
you won’t be leaving with me

And afterwards we drop
into a quiet little place
and have a drink or two
and then I go and spoil it all
by saying something stupid
like: I love you

I can see it in your eyes
that you despise the same old lies
you heard the night before
and though it’s just a line to you
for me it’s true
and never seemed so right before

I practice every day
to find some clever lines to say
to make the meaning come through
but then I think I’ll wait
until the evening gets late
and I’m alone with you

The time is right
your perfume fills my head
the stars get red
and oh, the night’s so blue
and then I go and spoil it all
by saying something stupid
like: I love you


The time is right
your perfume fills my head
the stars get red
and oh, the night’s so blue
and then I go and spoil it all
by saying something stupid
like: I love you, I love you
I love you, I love you
I love you…”.

—————————————————-

Traduzione.

“So di dover aspettare
fino a quando mi concederai
di passare una serata con te
e se andremo in qualche posto a ballare
so che non è detto che poi
ce ne andremo via insieme.

E se dopo andassimo in un locale tranquillo
a prendere un drink o due
io potrei anche rovinare tutto
dicendo qualcosa di stupido come ti amo

Lo leggo nei tuoi occhi
che detesti le solite vecchie storie
che hai sentito la sera prima
ma anche se per te non è che una battuta
per me è vero
e non ci ho mai creduto tanto prima d’ora

Provo tutti i giorni
a trovare frasi intelligenti da dirti
per poter esprimere quello che sento
ma poi penso che aspetterò
fino a quando si fa notte
e rimarrò solo con te.

E’ il momento giusto
il tuo profumo mi inebria
le stelle si fanno rosse
e ohh, la notte è così blu
ma alla fine rovino tutto
dicendo qualcosa di stupido come ti amo

E’ il momento giusto
il tuo profumo mi inebria
le stelle si fanno rosse
e oh, la notte è così blu
ma alla fine rovino tutto
dicendo qualcosa di stupido come ti amo
ti amo, ti amo
ti amo, ti amo…”.

(Traduzione a cura di Alessandro Menegaz)

—————————————————-

Frank Sinatra (feat. Nancy Sinatra), Something stupid – 2:45
(Carson Parks)
Album: The world we knew (1967)
Singolo: “Somethin’ stupid / Give her love” (1967)

Cover dell’omonimo brano interpretato da Carson and Gaile (un duo composto dall’autore Carson Parks e sua moglie Gaile Foote) (1966).

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

“Questo celebre duetto era stato originariamente scritto e interpretato da un semisconosciuto cantautore folk di Los Angeles, Carson C. Parks (fratello maggiore di Van Dyke Parks, stimato produttore, arrangiatore, musicista e paroliere), che l’aveva inciso insieme alla moglie Gaile Foote nel 1967 con lo pseudonimo Carson & Gaile. Quando il suo vecchio amico “Sarge” Weiss lo fece sentire a Frank Sinatra, questi pensò subito di affidarlo alla figlia Nancy, già pop star di grande successo grazie a These boots are made for walkin’. La giovane si mostrò immediatamente entusiasta della proposta, ma a condizione che alla consolle fosse seduto il suo produttore Lee Hazlewood; sembra che questi abbia convinto in ultima istanza Frankie a duettare con la figlia con un “se non la canti tu con Nancy, lo farò io” (una minaccia che comunque attuerà di lì a poco con Some velvet morning).
Something stupid si impose da subito come un evergreen del classic pop, portandosi dietro l’insolito primato di essere la prima canzone cantata da un padre e una figlia ad arrivare in cima alle classifiche di mezzo mondo (alcuni disc jockey la chiamarono, poco gentilmente, “la canzone dell’incesto”, niente in confronto a quello che anni dopo avrebbe fatto Serge Gainsbourg con la figlia Charlotte in Lemon incest, ma questa è tutt’altra faccenda)”.

(Ezio Guaitamacchi, 1000 canzoni che ci hanno cambiato la vita, Rizzoli, 2009, p. 237)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Alessandro Menegaz e Arianna Russo
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-