Márcia (feat. JP Simões) – A Pele que há em mim (testo e traduzione)

—————————————————-

“Quando o dia entardeceu
e o teu corpo tocou
num recanto do meu
uma dança acordou
e o sol apareceu
de gigante ficou
num instante apagou
o sereno do céu

E a calma a aguardar lugar em mim
o desejo a contar segundo o fim
foi num ar que te deu
e o teu canto mudou
e o teu corpo no meu
uma trança arrancou
e o sangue arrefeceu
e o meu pé aterrou
minha voz sussurrou
o meu sonho morreu

Dá-me o mar, o meu rio, minha calçada.
dá-me o quarto vazio da minha casa
vou deixar-te no fio da tua fala.
sobre a pele que há em mim
tu não sabes nada.

Quando o amor se acabou
e o meu corpo esqueceu
o caminho onde andou
nos recantos do teu
e o luar se apagou
e a noite emudeceu
o frio fundo do céu
foi descendo e ficou.

Mas a mágoa não mora mais em mim
já passou, desgastei
para lá do fim
é preciso partir
é o preço do amor
para voltar a viver
já nem sinto o sabor
a suor e pavor
do teu colo a ferver
do teu sangue de flor
já não quero saber.


Dá-me o mar, o meu rio, a minha estrada
o meu barco vazio na madrugada
vou deixar-te no frio da tua fala
na vertigem da voz
quando enfim se cala”.

—————————————————-

Traduzione.

“Quando il giorno si fece sera
e il tuo corpo toccò
un angolo scuro del mio
una danza iniziò
e il sole apparve
come un gigante rimase
in un istante spense
il sereno del cielo

E la calma mi pervase
in un desiderio fiducioso
fu in soffio che mi diedi
e il tuo canto cambiò
e il tuo corpo nel mio
una treccia di seta si lacerò
e il sangue si raffreddò
e il mio piede atterrò
la mia voce sussurrò
il mio sogno morì

Dammi il mare, il mio fiume, la mia strada
dammi la stanza vuota di casa mia
ti lascerò sul filo delle tue parole
della mia pelle
tu non sai niente

Quando l’amore finì
e il mio corpo dimenticò
il cammino percorso
negli angoli oscuri del tuo
e il chiarore della luna si spense
e la notte si fece muta
il fondo freddo del cielo
discese e rimase.

Ma il dolore non alberga più in me
già passò, l’ho superato
alla fine
è necessario darci un taglio
è il prezzo dell’amore
per tornare a vivere
già non sento neppure il sapore
a forza di sudore e timore
del tuo abbraccio bollente
del tuo sangue di fiore
non ne voglio sapere.

Dammi il mare, il mio fiume, la mia strada
la mia barca vuota all’alba
ti lascerò nel freddo delle tue parole
nella vertigine della voce
quando finalmente tace”.

(Traduzione a cura di Giuliano Lotti)

—————————————————-

Márcia (feat. JP Simões), A Pele que há em mim – 4:07
Album: (2011)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arianna Russo
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-

Scrivi le tue opinioni

UA-10243258-10