—————————————————-

“There is lambswool under my naked feet
The wool is soft and warm
gives off some kind of heat
a salamander scurries into flame to be destroyed
imaginary creatures are trapped in birth on celluloid

The fleas cling to the golden fleece
hoping they’ll find peace
each thought and gesture are caught in celluloid
there’s no hiding in my memory
there’s no room to void.

The crawlers cover the floor
in the red ochre corridor
for my second sight of people
they’ve more lifeblood than before
they’re moving, they’re moving
in time to a heavy wooden door
where the needle’s eye is winking
closing in on the poor
the carpet crawlers heed their callers
“We’ve got to get in to get out
we’ve got to get in to get out”.

There’s only one direction
in the faces that I see
it’s upward to the ceiling
where the chambers said to be
like the forest fight for sunlight
that takes root in every tree.
they are pulled up by the magnet
believing that they’re free
the carpet crawlers heed their callers
“We’ve got to get in to get out
we’ve got to get in to get out”.

Mild mannered supermen are held in kryptonite
and the wise and foolish virgins giggle
with their bodies glowing bright
through a door a harvest feast is lit by candlelight
it’s the bottom of a staircase
that spirals out of sight
the carpet crawlers heed their callers
“We’ve got to get in to get out
we’ve got to get in to get out”.



The porcelain mannikin with shattered skin fears attack
the eager pack lift up their pitchers
the carry all they lack
The liquid has congealed
which has seeped out through the crack
and the tickler takes his stickleback
the carpet crawlers heed their callers
“We’ve got to get in to get out
we’ve got to get in to get out”.

—————————————————-

Genesis, The carpet crawlers – 5:15
(Tony Banks, Peter Gabriel, Phil Collins, Steve Hackett, Mike Rutherford)
Album: The lamb lies down on Broadway (1974)
Singolo: “The carpet crawlers / The waiting room (Evil Jam) (live)” (1975)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Genesis.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Versioni.

1. Singolo – 4:40
2. Album – 5:15
3. The carpet crawlers 1999 – 5:39

—————————————————-

Citazioni.

The Carpet Crawlers, nota anche come Carpet Crawl, The Carpet Crawl o Carpet Crawlers, è un brano dei Genesis, originariamente pubblicato sul concept album The Lamb Lies Down on Broadway del 1974 e l’anno successivo estratto come singolo dall’album; è stato l’ultimo singolo della band cantato da Peter Gabriel. Sul lato B vi era una versione live di un altro brano dell’album, The Waiting Room. Nel 1999 fu pubblicata, sempre come singolo, una versione ri-registrata dal gruppo, intitolata The Carpet Crawlers 1999 e fu l’ultimo singolo registrato dai membri della formazione originale della band (Gabriel, Rutherford, Banks, Collins ed Hackett). Nel 2013 Steve Hackett ha pubblicato una cover del brano nel suo album Genesis Revisited II – Selected con la voce di Ray Wilson. Il brano è l’unico nel repertorio del gruppo ad essere stato inciso da tutti e tre i cantanti della band.
Come in tutti i brani dell’album, in questo brano si racconta una porzione della storia di Rael, teppista newyorkese capitato chissà come in un mondo sotterraneo, nel quale vive numerose strane avventure. In questo brano il protagonista si ritrova in un corridoio coperto da una moquette rossa sulla quale vede degli uomini strisciare lentamente verso una pesante porta di legno, situata alla fine del corridoio. Lui è l’unico a potersi muovere liberamente, mentre gli altri sono costretti a strisciare. Raggiunge la porta e attraversandola si ritrova in una stanza dentro la quale si trova una scala a chiocciola. Salendola, si troverà in una sala con 32 porte. A questo punto la narrazione si interrompe per continuare nella successiva traccia dell’album, The Chamber of 32 Doors“.

(Wikipedia, voce The Carpet Crawlers)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Marie Jolie
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-