—————————————————-

“While riding on a train goin’ west
I fell asleep for to take my rest
I dreamed a dream that made me sad
concerning myself and the first few friends I had

With half-damp eyes I stared to the room
where my friends and I spent many an afternoon
where we together weathered many a storm
laughin’ and singin’ till the early hours of the morn

By the old wooden stove where our hats was hung
our words were told, our songs were sung
where we longed for nothin’ and were quite satisfied
talkin’ and a-jokin’ about the world outside

With haunted hearts through the heat and cold
we never thought we could ever get old
we thought we could sit forever in fun
but our chances really was a million to one

As easy it was to tell black from white
it was all that easy to tell wrong from right
and our choices were few and the thought never hit
that the one road we traveled would ever shatter and split


How many a year has passed and gone
and many a gamble has been lost and won
and many a road taken by many a friend
and each one I’ve never seen again

I wish, I wish, I wish in vain
that we could sit simply in that room again
ten thousand dollars at the drop of a hat
I’d give it all gladly if our lives could be like that”.

—————————————————-

Traduzione.

“Mentre viaggiavo su un treno verso ovest
mi addormentai per riposarmi un poco
feci un sogno che mi rese triste
su di me e i pochi amici di un tempo

Con gli occhi umidi fissavo la stanza
dove loro e io passammo molti pomeriggi
dove ci riparammo da molti temporali
ridendo e cantando
fino alle prime ore del mattino

Vicino alla vecchia stufa
dove lasciavamo i berretti
dicevamo le nostre parole
e cantavamo le nostre canzoni
non volevamo niente
ed eravamo soddisfatti
scherzando e parlando
del mondo di fuori

I cuori affamati nel caldo e nel freddo
non pensammo mai
che saremmo molto invecchiati
pensavamo di poter restare
insieme allegri per sempre
e le nostre possibilità invece
erano una su un milione

Come era facile riconoscere nero da bianco
così separavamo il male dal bene
le nostre scelte erano così limitate
che non pensammo
la strada che insieme percorrevamo
potesse frantumarsi o dividersi

Quanti anni sono passati e andati via
molte volte abbiamo perduto e molte vinto
e molte le strade che quegli amici hanno preso
e ciascuno di loro
io non l’ho visto più

Vorrei vorrei vorrei invano
che potessimo di nuovo essere
insieme in quella stanza
diecimila dollari al cadere di un cappello
darei volentieri
se la nostra vita potesse ritornare così”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd)

—————————————————-

Bob Dylan, Bob Dylan’s dream – 5:03
(Bob Dylan)
Album: The Freewheelin’ Bob Dylan (1963)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Bob Dylan.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

Bob Dylan’s Dream – traducibile letteralmente in lingua italiana Sogno di Bob Dylan – è il titolo di una canzone in forma di ballata scritta da Bob Dylan nel 1962. Il brano fa parte del secondo album registrato in studio da Dylan (e il primo con composizioni proprie), The Freewheelin’ Bob Dylan, pubblicato nel 1963. La melodia e alcuni passaggi testuali sono basati sulla ballata tradizionale Lady Franklin’s Lament. Il titolo della canzone è citato sulla copertina dell’album dei Rolling Stones Beggar’s Banquet.
Il testo è di contenuto nostalgico e riporta l’autore, che ha qui accenti sentimentali, al tempo trascorso con gli amici folksinger al suo arrivo al Greenwich Village di New York City, in attesa di poter visitare in ospedale il suo idolo morente, Woody Guthrie. Secondo i numerosi biografi di Dylan, la canzone potrebbe essere stata composta in epoca antecedente rispetto a quella conosciuta ufficialmente, ovvero nell’estate del 1961 quando il cantautore – allora ventenne e da poco tempo giunto a New York dal natìo Minnesota – viveva in un piccolo appartamento di MacDougal Street, nel cuore del Village, di proprietà del comedienne Hugh Romney (conosciuto anche come Wavy Gravy). Dylan e Romney si conobbero al Gaslight Cafe, dove il cantautore si esibiva con una certa regolarità e dove Romney lavorava come direttore artistico”.

(Wikipedia, voce Bob Dylan’s Dream)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini e Francesco Komd
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-