“Hangman, hangman, hold it a little while
think I see my friends coming, riding many a mile
friends, did you get some silver?
Did you get a little gold?
What did you bring me, my dear friends
to keep me from the gallows pole?
What did you bring me
to keep me from the gallows pole?
I couldn’t get no silver, I couldn’t get no gold
you know that we’re too damn poor
to keep you from the gallows pole.

Hangman, hangman, hold it a little while
I think I see my brother coming, riding many a mile
brother, did you get some silver?
Did you get a little gold?
What did you bring me, my brother
to keep me from the gallows pole?
Brother, I brought you some silver
I brought a little gold
I brought a little of everything
to keep you from the gallows pole
yes, I brought you to keep you from the gallows pole.

Hangman, hangman, turn your head awhile
I think I see my sister coming
riding a many mile, mile, mile
sister, I implore you, take him by the hand
take him to some shady bower
save me from the wrath of this man
please take him, save me
from the wrath of this man, man.

Hangman, hangman, upon your face a smile
pray tell me that I’m free to ride
ride for many a mile, mile, mile

Oh, yes, you got a fine sister
she warmed my blood from cold
brought my blood to boiling hot
to keep you from the gallows pole
your brother brought me silver
your sister warmed my soul
but now I laugh and pull so hard
and see you swinging on the gallows pole
yeah, swingin’ on the gallows pole!”.

—————————————————-

Traduzione.

“Boia, boia, aspetta un attimo
mi sembra di vedere i miei amici arrivare
dopo una lunga cavalcata
amici, avete dell’argento?
Avete un po’ d’oro?
Cosa mi avete portato, amici cari
per sottrarmi alla forca?
Non ho potuto portare argento
non ho potuto portare oro
sai che siamo troppo poveri
per sottrarti alla forca, dannazione.

Boia, boia, aspetta un attimo
mi sembra di vedere mio fratello arrivare
viene così da lontano
fratello, hai dell’argento?
Hai un po’ d’oro?
Cosa mi hai portato, fratello
per sottrarmi alla forca?
Fratello, ti ho portato dell’argento
ti ho portato un po’ d’oro
ti ho portato un po’ di tutto
per sottrarti alla forca
sì, ti ti ho portato
di che sottrarti alla forca.

Boia, boia, volta la testa un attimo
mi sembra di vedere mia sorella arrivare
dopo una lunga cavalcata
sorella, ti prego
prendilo per mano
portalo in qualche luogo nascosto
salvami dall’ira di questo uomo
ti prego portalo via
salvami dall’ira di quest’uomo.

Boia, boia, sul tuo viso un sorriso
ti prego dimmi che sono libero di cavalcare
cavalcare per molte miglia

Oh, sì, hai una sorella deliziosa
ha riscaldato il mio sangue che era freddo
lo ha fatto diventare bollente
per sottrarti alla forca, sì
tuo fratello mi ha portato l’argento
tua sorella mi ha riscaldato l’animo
ma ora rido e tiro forte
e ti vedo penzolare dalla forca
sì, penzolare dalla forca, penzolare dalla forca”.

(Traduzione di Angela Branca e Davide Sapienza, pubblicata in “Led Zeppelin, tutti i testi con traduzione a fronte“, Arcana editrice, 1994).

—————————————————-

Led Zeppelin, Gallows pole – 4:58
(trad., arr. Jimmy Page, Robert Plant)
Album: Led Zeppelin III (1970)

Brano inserito nella rassegna Life itself. Canzoni di vita, di morte e di altre sciocchezze di InfinitiTesti

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa dei Led Zeppelin.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Citazioni.

Gallows Pole altro non è che una ballata tradizionale assai diffusa tra i cantastorie di colore degli Stati del Sud (il titolo tradizionale sarebbe propriamente The Gallus Pole); ma è stata ascoltata anche nelle isole Bahamas e in Giamaica. In ultima analisi, però, si tratta di una ballata di importazione britannica assai antica, e che ha inoltre precisi analoghi nelle Balladries siciliane, catalane e tedesche. Nelle isole britanniche è nota come The Maid Freed From The Gallows; questo il titolo generale che le diede Francis James Child. Tra le Child Ballads reca il numero 95.
Non è dato sapere perché la ragazza sia in pericolo di vita, né lo si riesce ad intuire nella maggior parte delle (numerosissime) versioni della ballata. In analoghi siciliani, catalani e tedeschi la ragazza è stata rapita dai pirati o dai Mori, ed il pegno che chiede ai genitori è il suo riscatto. Un’altra spiegazione è fornita da recenti testi tradizionali inglesi e da alcune versioni afroamericane: la sventurata fanciulla ha perso una biglia d’oro (a volte una coppa o una chiave) che le era stata affidata. L’impiccagione sembra una punizione veramente spropositata per una mancanza tanto veniale, ma si deve tenere presente che la biglia d’oro simboleggia la castità e che l’impiccagione ed il rogo sono le normali “pene da ballata” per le donne che abbiano perso la verginità prima del matrimonio. Solamente l’amante può ristabilire l’onore della ragazza (v. JFS 5:231). A.H. Krappe fa risalire la storia addirittura ai sacrifici delle spose greche (Speculum 16:236). Con il titolo The Gallows Tree o The Gallus Pole, la ballata è assai diffusa tra i cantastorie di colore degli Stati del Sud, ed è stata udita spesso anche nelle isole Bahamas ed in Giamaica (Smith, pp. 80-94). La ripetizione ossessiva delle strofe, inalterata tranne la sostituzione di un parente, fa pensare alla struttura tipica degli spirituals. Tale fatto, e la caratteristica drammaticità del brano, spiegano probabilmente il suo grande richiamo e la sua enorme diffusione, ancora attuale. La storia viene raccontata nelle fiabe e nei cantefables negri (composizioni in parte in prosa e in parte sotto forma di ballata), e sono state registrate anche delle messe in scena da parte di bambini di colore. I bambini inglesi hanno usato a lungo l’antica ballata come canzone di gioco. La caratteristica di The Maid freed from the Gallows è la sua struttura molto semplice: una continua “ripetizione progressiva” che, una volta iniziata, non può finire che in un modo: bene”.

(Riccardo Venturi, dal sito Canzoni contro la guerra)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-