“Well I stepped into an avalanche
it covered up my soul
when I am not this hunchback that you see
I sleep beneath the golden hill
you who wish to conquer pain
you must learn, learn to serve me well.

You strike my side by accident
as you go down for your gold
the cripple here that you clothe and feed
is neither starved nor cold
he does not ask for your company
not at the centre, the centre of the world.

When I am on a pedestal
you did not raise me there
your laws do not compel me
to kneel grotesque and bare
I myself am the pedestal
for this ugly hump at which you stare.

You who wish to conquer pain
you must learn what makes me kind
the crumbs of love that you offer me
they’re the crumbs I’ve left behind
your pain is no credential here
it’s just the shadow, shadow of my wound.

I have begun to long for you
I who have no greed
I have begun to ask for you
I who have no need
you say you’ve gone away from me
but I can feel you when you breathe.

Do not dress in those rags for me
I know you are not poor
don’t love me quite so fiercely now
when you know that you are not sure
it is your world beloved
it is your flesh that I wear”.

—————————————————-

Traduzione.

“Ho messo il piede in una valanga
ha coperto la mia anima
quando non sono questo gobbo che vedi
dormo sotto una collina dorata
tu che desideri conquistare il dolore
devi imparare a servirmi a dovere

Sei capitata dalle mie parti
mentre andavi in cerca di oro
questo zoppo che vesti e sfami
non patisce freddo o fame
non chiede la tua compagnia
non al centro, il centro della terra.

Mentre sono su un piedistallo
non mi ci hai elevato tu
le tue leggi ora non mi obbligano
a farmi inginocchiare grottesco e nudo
perché io stesso sono il piedistallo
di questa orrenda gobba che guardi.

Tu che vorresti conquistare il dolore
devi imparare ciò che mi aggrada
le briciole d’amore che mi offri
sono le briciole che ho lasciato dietro
il tuo dolore non ha credenziali qui
è solo l’ombra, l’ombra della mia ferita.

Iniziai a bramarti
io che non avevo desideri
iniziai a cercarti
io che non avevo alcun bisogno
tu dici di essere andata lontano da me
ma ti sento persino respirare.

Non vestirti di stracci per me
so che non sei povera
non mi ami più con la stessa dedizione
ora che sai di non essere sicura
è il tuo mondo, amore mio
è la tua carne quella che vesto”.

—————————————————-

Leonard Cohen, Avalanche – 5:07
(Leonard Cohen)
Album: Songs of love and hate (1971)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Leonard Cohen.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Francesco Komd
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-