—————————————————-

“Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera

Yo soy un hombre sincero
de donde crece la palma
yo soy un hombre sincero
de donde crece la palma
y antes de morirme quiero
echar mis versos del alma

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera

Mi verso es de un verde claro
y de un carmin encenidido
mi verso es de un verde claro
y de un carmin encenidido
mi verso es un cierro herido
que busca en el monte amparo.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera



Con los pobres de la tierra
quiero yo mi suerte echar
con los pobres de la tierra
quiero yo mi suerte echar
el arroyo de la sierra
me complace mas que el mar

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera”.

—————————————————-

Traduzione.

“Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera

Io sono un uomo sincero
di dove cresce la palma
io sono un uomo sincero
di dove cresce la palma
e voglio, prima di morire
dall’anima far uscire i miei versi.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera

Il mio verso è di un verde chiaro
ed è di un carminio acceso
il mio verso è di un verde chiaro
ed è di un carminio acceso
il mio verso è un cervo ferito
che nel bosco cerca riparo.

Guantanamera, guajira Guantanamera
Guantanamera, guajira Guantanamera

Ai poveri della terra
voglio unire il mio destino
ai poveri della terra
voglio unire il mio destino
il ruscello del monte
mi piace più del mare”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd)

—————————————————-

Joan Baez, Guantanamera – 3:53
Album: Gracias a la vida (1974)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

Altre versioni.

1. Celia CruzGuantanamera (1995, testo e traduzione)
2. León GiecoGuajira guantanamera (1989, testo e traduzione)
3. Nana MouskouriGuantanamera (1967, versione francese, testo e traduzione)
4. Pete SeegerGuantanamera (1963, testo e traduzione in inglese)

—————————————————-

Citazioni.

Guantanamera è il titolo di una canzone popolare cubana di grande fama internazionale, le cui origini risalgono al XIX secolo. La serenata dedicata a tempo di bolero ad una “guajira guantanamera” (“contadina della città di Guantánamo”), ha come sfondo le lotte di indipendenza che infiammavano la allora colonia spagnola alla fine del XIX secolo. Il suo carattere romantico unito ai valori patriottici che esprime, ne fanno una delle canzoni più amate dai cubani. Nel 1993 la musica è stata attribuita dalla corte suprema di Cuba al popolare personaggio radiofonico degli anni Trenta José Fernández Diaz, meglio noto come Joseíto Fernández, dopo aver respinto il ricorso degli eredi di Herminio “El Diablo” García Wilson, secondo i quali quest’ultimo ne era il compositore originale. In ogni caso fu sicuramente Joseíto Fernández che la portò al successo dai microfoni della popolare radio CMQ de l’Avana, sebbene il testo fosse diverso dall’attuale. Durante le trasmissioni la cantava riferendosi anche ad altre contadine, una volta guajira vueltabajera, un’altra guajira holguinara, ma quando si innamorò della gelosissima guajira guantanamera, questa lo sorprese a parlare con un’altra e fuggì via, e da quel momento Joseíto la cantò solo per lei.
Secondo alcune fonti l’origine di tale musica era il bolero creolo in uso attorno al 1830 nella zona di Guantánamo, nella Cuba orientale, che a sua volta affondava le sue origini nella “passacaglia” spagnola di 100 anni prima, una lenta danza in tempo triplo basata su uno schema armonico che si ripeteva su quattro o otto battute. Nella versione di Guantánamo del 1830 l’esecuzione alla chitarra di tale schema collegava l’aria alla “montuna”, che era il tipo di bolero suonato nella Cuba orientale, distinto da quello che si suonava in altre zone cubane, chiamato “son”.
Tra i vari personaggi che reclamano la paternità del testo, il più accreditato è il musicista spagnolo naturalizzato cubano Julián Orbón, che nel 1949 adattò alla musica il testo della poesia di apertura dei “Versos Sencillos” (“Versi Semplici”), una raccolta di poesie scritte nel 1878 dal poeta ed eroe dell’indipendenza cubana José Martí. Secondo altre fonti tale poesia fu adattata dal musicista cubano Héctor Angulo, allievo di Orbón, che in seguito la fece conoscere al cantautore folk americano Pete Seeger, questi la portò alla fama mondiale e la fece registrare a nome Martí, Angulo e Seeger, dando il via ad una disputa giudiziaria. Orbón vinse la causa ma ottenne solo di comparire come arrangiatore assieme agli altri tre. I diritti sulla canzone sono stati registrati in Spagna da Joseíto Fernández presso la SGAE, l’analogo iberico della SIAE italiana, e negli USA da Angulo per conto della Fall River Music”.

(Wikipedia, voce Guantanamera)

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-