—————————————————-

“Skint in a material world
I did a warehouse stint for southsea girl
it was Hong Kong clothes for cash
everybody got treated worse than trash
punch the card in the company clock
load the trolleys and the company trucks
and around and around the whole day through
and you couldn’t sit down
when there was nothing to do

Well they had beaten up people from every land
fools like me trying to be in bands
a little french girl so good to me
but I couldn’t love her back so lonely
a backpacker travelling through
a lumberjack with the travelling blues
we had worn out shoes and worn out cuffs
and big ideas that were never big enough

He said the man wants you go wash his car
hey you I’m talking to you
I said me, not me uh uh
no can do

No can can do no can
no can can do no can

Now some were grown up unlike me
and were dealing with reality
I was spittin’ sulkin’ smokin’ shirkin’
while a lady from Jamaica was singing and working
I had everyone but me to blame
And every day was just the same
well nobody ever said it was a righteous world
but if they did they never said it at southsea girl

He said the man wants you go wash his car
hey you I’m talking to you
I said me, not me uh uh
no can do

No can can do no can
no can can do no can

Well I’ve made my bed on people’s floors
opened up and closed some doors
dreamed that if my dreams came true
then I wouldn’t do what I didn’t want to
walking through the gates to the outside
to dream some dreams that never died
and I walked the streets of London town
looking for a place to put my head down”.

—————————————————-

Traduzione.

“Squattrinato in un mondo consumista
svolgevo il mio lavoro quotidiano in un deposito
per una ragazza dei mari del sud
erano abiti fatti a Hong Kong pagati in contanti
ognuno veniva trattato peggio che spazzatura
timbravo il cartellino alla macchinetta della ditta
caricavo i carrelli e i camion della compagnia
e in giro per tutto il giorno
e non ti potevi sedere
quando non c’era niente da fare

Beh, hanno picchiato gente di qualunque posto
scemi come me che cercavano di stare in una band
una piccola ragazza francese così carina con me
ma non potevo contraccambiarla, così solo
un viaggiatore con lo zainetto che passa e va
un taglialegna col blues del viaggiatore
avevamo scarpe logore e polsini logori
e grandi idee che non erano mai grandi abbastanza

Lui disse “L’uomo vuole che tu gli lavi la macchina
Hey, sto parlando con te”
Dissi “Io? Non io
proprio non posso”

Proprio non posso proprio non posso
proprio non posso proprio non posso

Ora, alcuni erano cresciuti diversi da me
e facevano i conti con la realtà
io sputavo, ero sempre imbronciato
fumavo, evitavo le responsabilità
mentre una ragazza jamaicana cantava e lavorava
e non avevo altri da biasimare se non me stesso
ed ogni giorno era sempre uguale
nessuno ha mai detto che era un mondo giusto
ma se l’hanno fatto, non l’hanno mai detto
ad una ragazza dei mari del sud

Lui disse “L’uomo vuole che tu gli lavi la macchina
Hey, sto parlando con te”
Dissi “Io? Non io
proprio non posso”

Proprio non posso proprio non posso
proprio non posso proprio non posso

Mi sono fatto un letto sui pavimenti della gente
aperto e chiuso alcune porte
sognato che se i miei sogni fossero divenuti realtà
allora non avrei mai più fatto quello che non volevo
camminando attraverso i cancelli verso il mondo esterno
per sognare certi sogni che non sono mai scomparsi
ed ho camminato per le strade di Londra
cercando un luogo dove appoggiare la testa”.

(Traduzione a cura di Francesco Komd)

—————————————————-

Mark Knopfler, No can do – 4.54
(Mark Knopfler)
Album: Golden Heart (1996)

Per altri testi, traduzioni e commenti, guarda la discografia completa di Mark Knopfler.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini e Francesco Komd
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-