—————————————————-

“Scusa se a quest’ora ti ho chiamato
ma non ne potevo fare a meno
meglio se parlo piano
che se lo sveglio poi piangerà

Loro credo torneranno presto
credo, perché mica gliel’ho chiesto
m’hanno lasciata con lui
carino sai

Casa da sogno qua
come vorremmo noi
meno lontani mi sembrano già
i progetti che ho fatto con te
che strana voglia ho io
ti vorrei qui con me

Credo proprio che si sia svegliato
ci sentiamo dopo, ti saluto
a piedi nudi che cosa fai
ritorna a letto, adesso dai

Io chi sono, beh mi chiamo Alice
no non sono quella della favola
son qui per stare con te
ora dormi un po’

Sogna adesso favole lontane
sfioro la sua fronte con un dito
Dio cosa non farei se fosse mio”.

—————————————————-

Alice Visconti, Mi chiamo Alice – 4:28
(Stefano D’Orazio, Renato Brioschi)
Album: La mia poca grande età (1975)
Album: Mi chiamo… Alice (1979, raccolta)

Brano inserito nella rassegna Canzoni dedicate alle donne di InfinitiTesti.

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arianna Russo
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-