“Meu bem, perdoa
Perdoa meu coração pecador
Você sabe que jamais eu viverei
Sem o seu amor

Ando comprado fiado
Porque meu dinheiro não dá
Imagine se eu fosse casado
Com mais de seis filhos para sustentar

Nunca me deram moleza
E posso dizer que sou trabalhador
Fiz um trato com você
Quando fui receber você não me pagou
Mas ora meu bem

Meu bem, perdoa
Perdoa meu coração pecador
Você sabe que jamais eu viverei
Sem o seu amor

Chama o dono dessa casa
Que eu quero dizer como é o meu nome
Diga um verso bem bonito
Ele vai responder pra matar minha fome

Eu como dono da casa
Não sou obrigado a servir nem banana
Se quiser saber meu nome
É o tal que não como há mais de uma semana
Mas ora meu bem

Meu bem, perdoa
Perdoa meu coração pecador
Você sabe que jamais eu viverei
Sem o seu amor

Chama o dono da quitanda
Que vive sonhando deitado na rede
Diga um verso bem bonito
Ele vai responder pra matar minha sede

O dono dessa quitanda
Não é obrigado a vender pra ninguém
Pode pegar a viola que hoje é Domingo
E cerveja não tem
Mas ora meu bem…

Meu bem, perdoa
Perdoa meu coração pecador
Você sabe que jamais eu viverei
Sem o seu amor

Falado:
Esse partido é em homenagem à Velha-Guarda da Portela. Sr. Armando Santos, Alberto Lonato, Manacé, falecido Ventura, falecido João da Gente, Santinho, Casquinha.

Meu bem, perdoa
Perdoa meu coração pecador
Você sabe que jamais eu viverei
Sem o seu amor”.

—————————————————-

Traduzione.

“Amor mio, perdona
perdona il mio cuore peccatore
tu sai che giammai io vivrei
senza il tuo amore

Devo comprare a credito
perché i miei soldi sono pochi
immagina se io fosse sposato
con più di sei figli da mantenere

Per me non è mai stato facile
e posso dire di essere un lavoratore
ho fatto un accordo con te
quando venni a riscuotere, tu non mi pagasti
e adesso amor mio?

Amor mio, perdona
perdona il mio cuore peccatore
tu sai che giammai io vivrei
senza il tuo amore

Chiama il proprietario di casa
che voglio dirgli come mi chiamo
digli parole incantevoli
lui risponderà di darmi da mangiare

In quanto padrone di casa
io non ho l’obbligo di dare neanche una banana
se vuoi sapere come mi chiamo
sono quello che non mangia da oltre una settimana
e adesso amor mio?

Amor mio, perdona
perdona il mio cuore peccatore
tu sai che giammai io vivrei
senza il tuo amore

Chiama il proprietario della bottega
che vive sognando sdraiato sull’amaca
digli parole incantevoli
lui risponderà di darmi da bere

Il padrone di questa bottega
non è obbligato a vendere a nessuno
puoi prendere la chitarra che oggi è domenica
la birra non c’è
e adesso amor mio?

Amor mio, perdona
perdona il mio cuore peccatore
tu sai che giammai io vivrei
senza il tuo amore

(Questo samba è un omaggio alla Velha-Guarda della Portela: Armando Santos, Alberto Lonato, Manacé, lo scomparso Ventura, lo scomparso João da Gente, Santinho, Casquinha)

Amor mio, perdona
perdona il mio cuore peccatore
tu sai che giammai io vivrei
senza il tuo amore”.

(Traduzione a cura di Giuliano Lotti)

—————————————————-

Paulinho da Viola, Perdoa – 4:00
(Paulinho da Viola)
Album: Memórias cantando (1976)

Per segnalare errori su testi o traduzioni, o semplicemente per suggerimenti, richieste d’aiuto e qualunque altra curiosità, potete scriverci all’indirizzo [email protected].

—————————————————-

InfinitiTesti è un sito amatoriale che propone traduzioni e revisioni di testi musicali da tutto il mondo. I nostri lavori sono disponibili nelle pagine Traduzioni e Discografie, o si può far riferimento anche all’Indice Generale, suddiviso in canzoni Italiane e Straniere. Per maggiori approfondimenti in merito ai nostri percorsi e alle nostre Rassegne, si può leggere la sezione dedicata agli Speciali. Per ricevere in tempo reale tutti gli ultimi post pubblicati, si possono sottoscrivere i Feed RSS di InfinitiTesti. Per collaborare in qualunque forma con la redazione, si può far riferimento alla pagina Contatti.

—————————————————-

—————————————————-

Brano proposto da: Arturo Bandini e Giuliano Lotti
Direttore: Arturo Bandini ([email protected])
Responsabile Quality: Alessandro Menegaz ([email protected])
Segretaria di Redazione: Arianna Russo ([email protected])

—————————————————-